Sabato 23 Settembre 2017
News

Four Tet gioca a nascondino con la sua musica 

Four Tet negli ultimi mesi ha suonato molto spesso nei suoi set una traccia che ha fatto impazzire i fan e i vari diggers che hanno cercato invano la ID in giro per il web. Inoltre, il pezzo ha iniziato a comparire in set di vari altri artisti, ad esempio Jamie XX durante una Boiler Room a Reykjavik o Floating Points al Dekmantel. Finalmente il mistero è svelato: il pezzo si chiama ‘Questions’ ed è firmato KH, guarda caso le iniziali di Kieran Hebden, cioè… Four Tet. Si è divertito  giocare un po’ a nascondino con la sua identità, insomma. E ci sorprende con un pezzo house dall’irresistibile tiro funky, groove sporco e sample tagliato con l’accetta per una traccia stellare, che decolla immediatamente e resta in orbita per tutta la sua durata. Se ultimamente il buon Kieran sembrava adagiato su uno stile ormai riconoscibile alla cui cifra si aggiungeva molto poco (e questo discorso vale sia per le sue prodiuzioni originali sia per alcuni remix eccellenti che portavano la sua firma), ecco che torna a entusiasmarci con una zampata d’autore.

 

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Giornalista di DJ Mag Italia e responsabile dei contenuti web della rivista. DJ. Speaker e autore radiofonico.