Mercoledì 16 Agosto 2017
News

Soundcloud è salva grazie a 170 milioni di dollari

Nuovi investimenti in arrivo per tenere in vita la piattaforma musicale svedese

Della crisi di Soundcloud vi abbiamo parlato in diverse occasioni, è un caso che seguiamo da vicino perché non si tratta solo di vedere come si evolverà (o come finirà) la storia di un sito che ha cambiato il modo di interfacciarsi alla musica (da parte di chi la ascolta ma anche e soprattutto di chi la fa). Ma perchè si tratta di fotografare un momento storico in diretta, la trasformazione dei servizi di streaming, di una proposta originale e inizialmente vincente, e di capire se e come un certo tipo di nuova economia può reggere e competere in maniera produttiva. Soundcloud era in rosso, nei mesi scorsi abbiamo parlato di licenziamenti pesanti, oneri finanziari, riassetti societari, diverse soluzioni e misure prese per contrastare l’andamento negativo della società. Oggi pare che il futuro della compagnia sia in salvo, grazie a un maxi investimento di circa 170 milioni di dollari, versato da Temasek e da Raine Bank. L’operazione prevede anche un cambio ai vertici, con la sostituzione dell’attuale amministratore delegato Alexander Ljung (uno dei due fondatori dell’azienda, insieme a Eric Wahlforss) con l’ex AD di Vimeo Kerry Trainor.

Ma chi sono Temasek e Raine Bank? Il primo è una società d’investimento asiatica, per la precisione di proprietà del governo di Singapore, con un portafogli decisamente importante (quasi 180 miliardi di dollari) e interessi e affari nei più disparati rami dell’economia asiatica a mondiale; Raine Bank è una banca d’affari americana con sedi in diversi Paesi del mondo. Come molto spesso accade, dunque, nell’economia di servizi, i capitali arrivano dal mondo della finanza e da investitori che appartengono a pianeti – professionalmente parlando – estremamente distanti da quello della musica. Un’economia autosufficiente è possibile nel mondo della musica digitale? Una questione aperta, oggi più che mai, e un discorso che è solo all’inizio.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Giornalista di DJ Mag Italia e responsabile dei contenuti web della rivista. DJ. Speaker e autore radiofonico.