Venerdì 24 Novembre 2017
Festival

Ultra Day 2: il trionfo di Axwell Λ Ingrosso

La seconda giornata dell’Ultra Music Festival di Miami ha avuto due indiscussi vincitori: Axwell Λ Ingrosso. Il loro set di chiusura sul main stage ha confermato il loro stato di grazia, le loro hit sparate una dietro l’altra ma senza mai dare l’impressione di limitarsi alla scaletta: tagli tra un brano e l’altro, remix inediti, tanto spettacolo. Qualche solito buontempone aveva sparso la voce di un arrivo a sorpresa di Steve Angello per l’ultimo quarto d’ora: niente di tutto ciò è avvenuto, della reunion si continua a parlare più tra i fan che non tra gli addetti ai lavori e va bene così.

Ultra miami

Sabato 25 marzo il main stage dell’Ultra ha goduto anche della buona performance di Afrojack, che a set terminato è voluto tornare sul palco per ringraziare il pubblico, mentre i suoi palloni gonfiabili continuavano a vagare per Bayfront Park e la polizia aveva il suo bel daffare nel far scendere da un albero un fan che si era spinto troppo oltre anzi troppo in alto (in tutti i sensi). Il set di Tiësto è invece coinciso con un intenso acquazzone, che però non ha infastidito più di tanto il pubblico presente, abituato ai cambiamenti climatici da festival: pochi ombrelli, qualche impermeabile di plastica, tanti sacchi della spazzatura. Per coprirsi in fondo basta poco.

sasha & digweed miami

Tra i momenti più attesi della seconda serata dell’Ultra i set di Black Coffee e Sasha&Digweed al Resistance Stage di Carl Cox. Black Coffee ha suonato a metà pomeriggio: una prestazione più da club che da festival, house di buona fattura alla quale forse andava aggiunto un cambio di passo e di marcia, almeno nella parte finale. Sasha&Digweed restano indefinibili, sfuggenti a qualsiasi tentativi di catalogazione: sono così da sempre, dai tempi delle compilation Northern Exposure (1996/97). Il loro è un viaggio dritto al 100%, senza variazioni nè deviazioni, musica strumentale totale se ce n’è una. Per chi viene all’Ultra per stare nel mainstage il tempo di resistenza consentito due/tre tracce al massimo, chi cerca sound più alternativi potrebbe restare ad ascoltarli e ballarli per ore e ore. Poi è arrivato Carl Cox, e come sempre non ce n’è stato per nessuno.

Justice 900x600

Ieri il gran finale di Ultra, con Zedd, David Guetta e Dj Snake (main stage), Ferry Corsten, MWYR e Armin Van Buuren (A State Of Trance), Jamie Jones b2b Seth Troxler (Arcadia/Resistance) e soprattutto i Justice al live stage alle ore 22 locali, le 4 di notte italiane. Si tratta della premiere americana del loro nuovo show. Domenica si chiude come sempre alle 23, un’ora prima rispetto a venerdì e sabato. A ciascuno il suo Ultra, che tra l’altro ha annunciato la conquista di un nuovo territorio: l’Australia.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.
Open form

ISCRIVITI ALLA MAILING LIST DI
DJ MAG ITALIA

Iscriviti alla mailing list di Dj Mag Italia
Avrai vantaggi esclusivi
È gratis e potrai disdire la tua iscrizione in qualunque momento senza alcun costo