Martedì 21 Agosto 2018
Esclusiva

10 remix che hanno cambiato la vita di chi li ha fatti

Quante volte un producer ha visto la sua carriera prendere il volo grazie a un remix? Magari nato per caso? Ecco dieci casi clamorosi

Un remix ti cambia la vita. A volte la cambia davvero. La cambia a chi quel remix lo ha prodotto. Da versioni “riempitive” o tool utilizzati esclusivamente in serata, i remix a fine anni ’80 dieventano prassi, e poi diventano hit. Magari più famose dei brani originali. Succede anche questo. E allora sono proprio questi remix ad aprire le porte del successo ai produttori, e talvolta anche agli artisti remixati. Ecco dieci casi clamorosi di remix incredibili e bellissimi che hanno svoltato la carriera a chi li ha messi a segno.

 

Todd Terry X Everything But The Girl
Uno dei primi, clamorosi casi di remix più famoso dell’originale. Todd era già “The God” Terry nel 1994, ma questo suo take su ‘Missing’ degli EBTG ha lanciato la sua carriera di remixer e producer internazionale nel mainstream (negli anni seguenti avrebbe messo le mani su chiunque fosse un nome importante del pop) e ha anche regalato la maggiore hit della carriera a Tracey Thorn e Ben Watt.

 

David Morales X Jamiroquai
Prendi un pezzo acid jazz, bellissimo, metricamente non proprio semplice, e incastralo nella cassa in quattro. Ma non perdere il flavour jazz. Aggiungi invece il tiro house, tanto groove, una spruzzata di Caraibi. ‘Space Cowboy’ era bellissima ma in questo remix di Morales diventa un capolavoro, proabilmente “il” remix. E non solo ha fatto scuola, ma ha spalanacato al producer newyorkese le porte del pop (compresi remix per gente come gli U2 e un Grammy per il lavoro su Mariah Carey).

 

Tiësto X Delerium ft. Sarah McLachlan
Nonostante sia uno dei superstar dj più longevi di sempre, e sicuramente il prmio a trasformare la figura del dj in una star da arene, Tiësto non ha mai messo a segno grandi successi discografici. Qui invece, siamo nel 2000, caccia fuori una versione straordinaria di ‘Silence’, pezzo che diventa il suo passaporto per il successo. Indimenticabile.

 

Flume X Disclosure
Probabilmente il remix più bello uscito in questo decennio. Flume prende ‘You & Me’ dei Disclosure e la porta in paradiso, assicurandosi il successo internazionale più che con qualsiasi sua produzione originale. Un colpo da maestro che mette insieme future bass e orchestra. E che ha messo d’accordo tutti.

 

Crookers x Kid Cudi
Curiosa la carriera dei Crookers, che hanno svoltato (ai tempi erano in due, Phra e Bot) con un mare di remix diventati hit da club. Dopo essersi messi all’attenzione del mondo con un remix che rese gustosissima la insipida ‘Salmon Dance’ dei Chemical Brothers, sentono ‘Day ‘N’ Nite’ di Kid Cudi, gli scrivono, si fanno mandare le tracce, inventano un mix che dà il turbo al pezzo e fanno il botto. Numero 2 in UK e porte aperte verso la Serie A. Anche Kid Cudi ha visto la sua carriera andare in orbita con questo remix. Non arriverà mai più così in alto.

 

Robin Schulz X Lily Wood
Mentre imperversa l’ondata EDM, esce questo take con la chitarra acustaica sul groove house e un bpm piuttosto lento. Corto circuito. Robin Schulz diventa uno dei nomi più caldi in circolazione, superando ben presto la fama di Lily Wood and The Preacher. ‘Prayer In C’ è una delle maggiori hit degli ultimi anni.

 

Timo Maas X Azzido Da Bass
Colpo di genio. Un remix tutto giocato su un suono di basso dalla metrica sfasata e su una ritmica che non è dritta ma nemmeno breakbeat. Timo Maas era già nell’orbita dei nomi di un certo rilievo a fine anni ’90, ma con questa ‘Doom’s Night’ diventa probabilmente il producer più importante del periodo. Curiosamente, una hit “difficile” e interamente strumentale, eppure utilizzatissima in TV e in radio.

 

Armand van Helden X Tori Amos
Lei è una cantante in grande hype (ai tempi non si usava, diciamo “in ascesa”); lui un producer house e hip hop dal sound selvaggio. Gli viene affidato un remix per il nuovo singolone di lei. Lui che fa? Lo fa a pezzi, prende solo un frase e la mette in loop su un groove dal basso violento e sporchissimo. Con la voce che riappare solo nel lungo break sospeso a metà brano. Roba da pazzi. Un suicidio artistico. E invece ‘Professional Widow’ è il botto.

 

Wankelmut x Asaf Avidan
Dal nulla, spunta questo remix da parte di un produttore piuttosto sconosciuto per un cantante israeliano altrettanto sconosciuto al mondo. E fa subito scuola incassando consensi dal pubblico e dai dj, dalle radio e dagli addetti ai lavori. Un successo clamoroso. Senza Wankelmut probabilmente non avremmo avuto molti altri producer. ‘One Day/Reckoning Song’ ha fatto la differenza in un momento (era il 2012) in cui la musica elettronica sembrava andare in tutt’altra direzione.

 

Norman Cook X Cornershop
Fatboy Slim arriva al vero successo nel 1998 con i vari singoli del fortunatissimo ‘You’ve Come A Long Way, Baby’, album cult che spegne 20 candeline proprio ques’tanno. Ma a mettere a fuoco l’obiettivo sono due remix: il primo è quello per la stoprica ‘Renegade Master’ di Wildchild che irrompe al numero 3 della classifica britannica; il secondo è questo per ‘Brimful Of Asha’ dei Cornrershop, firmato a nome Norman Cook, che arriva direttamente al numero 1 in UK e poi in mezzo mondo. E da lì in poi Fatboy Slim sarà sempre e solo “f**king in heaven”.

 

Bonus Track: Cedric Gervais X Lana Del Rey
Dieci più uno. A volte un remix cambia così tanto la vita da diventare la principale occupazione di un produttore. Cedric Gervais ha vinto un Grammy grazie alla sua versione di ‘Summertime Sadness’ di Lan Del Rey, brano che l’ha messo definitivamente sotto i riflettori. Non è un caso che da lì in poi si sia dedicato soprattutto a questo tipo di produzioni. Con ottimi risultati.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Albi Scotti
Giornalista di DJ Mag Italia e responsabile dei contenuti web della rivista. DJ. Speaker e autore radiofonico.
Open form

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.