• LUNEDì 15 LUGLIO 2024
Interviste

60 seconds with Melanie Ribbe

 

Nata in Germania, cresciuta in Giamaica, Melanie Ribbe ha debuttato come dj alla Miami Music Week per poi diventare resident all’Amnesia e al Cova Santa di Ibiza, all’Ame Club in Brasile, suonare in festival quali elrow, Lollapalooza e Ultra e curare selezioni musicali per British Airways, Ibiza Global Radio, Ibiza Sonica e PureIbiza; nel 2021 è uscito il suo primo album “Dance Again” sulla sua etichetta discografica Agápe Musik. Questa estate ha suonato al Kursaal Terrace di Lignano Sabbiadoro; dopo il suo set sabato 7 ottobre a The Vortex, il party di chiusura stagionale di Ushuaïa e Hï, Melanie Ribbe tornerà in Italia sabato 21 ottobre all’Audiodrome di Torino e martedì 31 ottobre a Genova per Drumcode. Ecco le sue risposte in 60 secondi.

 

 

Il primo disco che hai comprato?
‘Crispy Bacon’ di Laurent Garnier (1997).

Il tuo idolo quando eri agli inizi?
Marco Carola.

Se non fossi diventata una dj adesso saresti…
Lavorerei nel ramo immobiliare.

Che lavori hai fatto prima di diventare una dj ed una producer a tempo pieno?
La modella.

La cosa più pazza che hai fatto con i primi soldi guadagnati con la musica?
Un divano enorme, che in realtà non mi serviva, anche perché nel frattempo mi ero trasferita in tre continenti diversi nelle tre settimane dopo averlo ricevuto.

La tua serie tv preferita?
Sex and the City.

Il tuo rapporto con i social?
Amore e odio.

I tuoi hobby?
Danze latino-americane, calcio e tennis.

Che cosa suggerisci ai giovani che vogliono diventare dj e producer?
Credete in voi stessi e lavorate duro per diventare ogni giorno la miglior versione di voi stessi.

Un errore che non rifaresti?
Non dare retta al mio istinto.

La scelta migliore della tua vita?
Inseguire i miei sogni.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dan Mc Sword
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.