Sabato 16 Novembre 2019
Interviste

60 seconds with Fabio Florido

il dj e producer toscano, il suo nuovo EP e il suo tour italiano a fianco del suo mentore e della sua indiscussa stella polare: Richie Hawtin

Origini toscane, da anni trasferito a Berlino, Fabio Florido è uscito nelle scorse settimane con il suo nuovo EP ‘Twilight’ (Kuukou Records): due tracce e un remix con linee di basso e casse che non lasciano un attimo di tregua. Un EP coerente al percorso musicale del dj e producer italiano, che settimana prossima affianca Richie Hawtin nel suo tour italiano Plus 8: giovedì 24 al Casa Mia Club di Genova, venerdì 25 al Serenditipy di Foligno, sabato 26 al Duel Beat di Napoli e domenica 27 al Goa di Roma. Conosciamolo meglio con le sue risposte in 60 secondi.


Il primo disco che hai comprato?
‘Sheet One’ di Plastikman.

Il tuo idolo quando eri agli inizi?
Plastikman / Richie Hawtin.

Se non fossi diventato dj adesso saresti…
Sarei un hippie e girerei il mondo, magari prendendo appunti e scrivendo libri.

Che cosa ti piace e che cosa non ti piace della vita del dj?
Mi piace il linguaggio universale che la musica sa creare. Non mi piace la glorificazione e l’eccessiva enfasi che accompagna la figura del dj. Meno spazio al proprio ego e più alla musica!

I tuoi hobby?
Leggere, pensare, meditare.

Le tue serie tv preferite?
The OA, Game of Thrones e Stranger Things.

Il tuo rapporto con i social?
Amore e odio. Odio e amore!

Che cosa suggerisci ai giovani che vogliono diventare dj?
Non paragonatevi mai agli altri, a che cosa fanno e come lo fanno. Seguite il vostro istinto e non fatevi condizionare troppo dai social media.

Un errore che non rifaresti?
Non esistono errori, tutto quello che ci accade ha una ragione ben precisa e anche ogni sbaglio è utile per crescere e migliorarsi, senza alcun rimpianto.

La scelta migliore della tua vita?
Lasciare la mia città natale 13 anni fa per inseguire il mio sogno.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.