Domenica 25 Agosto 2019
Interviste

60 seconds with Neverdogs

Il duo italiano, il loro primo album, la loro passione per i Sex Pistols e i Depeche Mode, la loro grande caparbietà nel raggiungere ogni traguardo

Ne hanno fatta di strada Tommy Paone e Marco De Gregorio, da quando (nel 2000) diedero vita ai Neverdogs. Tanti anni con Music On e con il progetto It’s All About The Music, per arrivare al 2018 e alla nascita della loro etichetta discografica Bamboleo. E proprio su Bamboleo venerdì 7 giugno (oggi) esce il loro primo album, ‘Details’, un ottimo punto e a capo per i loro primi vent’anni di carriera. Tra le prossime loro date in calendario, Do Not Sleep & Unusual Suspects all’Amnesia Ibiza (stasera), Neverdogs all night long all’Amnesia Milano (sabato 15 giugno) e sempre in versione all night long domenica 21 luglio al fabric di Londra. Il 60 seconds di questa settimana è tutto per loro.

 

Il primo disco che avete comprato?
L’album ‘’Anarchy World Wide’ dei Sex Pistols (Tommy). ‘Everybody Be Somebody’ di Ruffneck (Marco).

Il vostro idolo quando eravate agli inizi? 
Tommy: Ralf (Tommy). Depeche Mode (Marco).

Se non foste diventati dj adesso sareste…
Sarei comunque un artista (Tommy). Un attore (Marco).

Che cosa vi piace e che cosa non vi piace del tuo lavoro? 
Mi piace trasmettere alla pista il piacere che provo suonando. Non mi piace, la competizione negativa che spesso si crea tra addetti ai lavori, specialmente quando non è costruttiva (Tommy). Viaggiare / andare in aeroporto subito dopo una serata (Marco).

Serie tv preferita?
Genius: Picasso (Tommy). A Team (Marco).

Il vostro rapporto con i social? 
Amore/odio (Tommy). Ottimo (Marco).

Un consiglio a chi voglia diventare dj o producer?
Rimanere sempre umili, credere in sé stessi e lavorare sodo (Tommy). Essere sempre concentrati e focalizzati sull’obbiettivo (Marco).

Il vostro pregio e il vostro difetto? 
Credo che un mio pregio sia la caparbietà. Essere un sognatore, in alcuni casi, potrebbe risultare un difetto (Tommy). Sono caparbio e petulante (Marco).

Un errore che non rifareste?
Non dare ascolto ai consigli dati da persone a me care (Tommy). Perdere tempo (Marco).

La vostra scelta migliore?
Essere andato a vivere a Londra (Tommy). Essere andato a vivere all’estero (Marco).

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.