Domenica 13 Ottobre 2019
Interviste

60 seconds with Nora En Pure

La dj e producer svizzera, il nuovo singolo, il rapporto di amore e odio con i social, la serie tv che rivedrebbe all’infinito

Origini sudafricane, cresciuta in Svizzera, Daniela Niederer aka Nora En Pure si è avvicinata sin da giovanissima alla musica elettronica, dopo iniziali studi classici. La sua prima hit  ‘Come With Me’ nel 2013, nel 2016 il suo debutto ad Essential Mix (BBC Radio 1), questa primavera la vittoria agli IDMA di Miami come Best Female Artist. Ha suonato in tutti i più importanti festival mondiali, Tomorrowland e Ultra su tutti. Lo scorso luglio è uscito il suo nuovo EP ‘Heart Beating’ (Spinnin’ Deep); venerdì 23 agosto suona a Mysteryland in Olanda, domenica 1 settembre all’Electric Zoo a New York.


Il primo disco che hai comprato?
‘Nevermind’ dei Nirvana.

Il tuo idolo quando eri agli inizi?
Non uno in particolare. Sono sempre stata colpita da tanti dj tedeschi sia deep che tech house.

Se non fossi diventata dj adesso saresti…
Potrei essere una psicologa criminale (ho studiato per questo), o forse la fotografa.

I tuoi hobby?
Amo molto la natura selvaggia, retaggio della mia infanzia in Sud Africa. Il mio amore la fotografia nasce da lì.

Le tue serie tv preferite?
‘Friends’: posso vedere e rivedere alcuni episodi e non smettere mai di ridere, come se fosse la prima volta.

Il tuo rapporto con i social?
Un rapporto di amore e odio. I social network sono uno strumento eccellente per essere connessi con chiunque e in qualunque momento, ma portano via molto tempo. A volte è meglio dedicarsi ad altro e non stare troppo incollati al proprio telefono.

Un consiglio a chi voglia diventare dj o producer?
Avere un proprio stile, scegliere l’etichetta discografica giusta, che sia in linea con il proprio sound. Andare a sentire più dj possibili, possono sempre nascere spunti ed idee interessanti, oltre ad inattese conoscenze.

Il tuo pregio e il tuo difetto?
Sono una perfezionista, forse troppo!

Un errore che non rifaresti?
Mmm… bella domanda. Ogni errore non avviene mai per caso, quindi a posteriori non va ma considerato come tale, ma visto come un’opportunità di crescita.

La scelta migliore della tua vita?
Tutte quelle che riguardano la mia vita privata. Non potrebbe essere migliore.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.