Giovedì 01 Ottobre 2020
News

C’è l’ex manager di Avicii dietro l’app anti TikTok

Si chiama Triller, è l’applicazione su cui Trump crede fortemente e che dovrebbe infrangere i sogni dei cinesi di TikTok. Tra i suoi investitori appare un nome noto nella musica elettronica, quello di Ash Pournouri

Se prima il mondo non aveva prestato molta attenzione all’ascesa del rivale di TikTok, ora è il momento che lo faccia. Si chiama Triller e ha raccolto oltre 200 milioni di euro, budget che servirà per alimentare la sua inesorabile espansione. Tra i suoi investitori, Triller annovera quella vecchia volpe dell’intrattenimento che risponde al nome di Ash Pournouri, noto ai più nel settore della dance per essere stato scopritore e manager di Avicii.

L’elenco di coloro che immetteranno dollari nel fondo di Triller non si concentra né conclude con il guru di At Night Management. Ci sono i soldi di Marshmello, The Weeknd, Snoop Dogg, Lil Wayne, YoungThug, Kendrick Lamar, Baron Davis, Tyga, TI, Jake Paul e Troy Cartner oltre che il CEO di The Blueprint Group Gee Roberson, il fondatore di The Shalizi Group Moe Shalizi, il CEO di XO Records Wassim Sal Slaiby supportato dal collega Amir Cash Esmailian.

 

Secondo un rapporto di Fox Business, confermato dallo stesso CEO di Triller, Mike Lu, la piattaforma anti TikTok si è assicurata importi che aumenteranno la somma portandola a ben nove cifre: occorrono più di 200 milioni di dollari per attirare altre star di punta strappandole magari alla concorrenza. La pressione su TikTok (appartenente al gruppo Bytedance) da parte del presidente Donald Trump aumenta di giorno in giorno: le accuse mosse dell’amministrazione americana sono irremovibili, si pensa che l’app stia trasmettendo dati sensibili degli utenti Usa al governo cinese.

 

Tuttavia, gli sviluppi non si fermano qui e nelle ultime ore pare che la lista degli investitori abbia incluso il presidente di Live Nation Urban Shawn Gee, gli amministratori delegati di TDE Anthony ‘Top Dawg’ Tiffith e di Rap-a-Lot Records James Prince e persino Believe Digital. Lo scorso anno Triller ha presentato la sua sede nel Regno Unito e l’accordo con MashTraxx, una piattaforma di apprendimento automatico per l’editing di musica e video che vanta ben nove brevetti. La sua forza? Creare videoclip ad hoc, anche ufficiali, per gli stessi artisti. Staremo a vedere se sarà una rivoluzione social o se ce ne dimenticheremo presto.

 

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.