Venerdì 03 Luglio 2020
News

A Bologna “Raving Iran”, docufilm sulla techno di Teheran

Durante la 12esima edizione del Biografilm Music di Bologna è stato proiettato “Raving Iran”, un docufilm della tedesca Susanne Regina Meures, presente all’anteprima italiana. La proiezione sarà ripetuta domenica 19 in collaborazione con roBOt Festival e Kinodromo. “Raving Iran” racconta la storia di Anoosh e Arash, due dj della scena techno underground di Teheran. La coppia, guardata a vista da un sistema che proibisce qualsiasi forma di divertimento in pubblico, organizza rave illegali rischiando la vita a ogni festa.

Dopo aver suonato in posti impensabili e aver ottenuto un discreto seguito, il duo viene invitato a partecipare come artisti in uno dei più grandi festival techno internazionali. Accettando l’invito, la loro vita subirà cambiamenti radicali. In Iran la musica occidentale è vietata ma Anoosh e Arash non rinunciano al loro sogno e scelgono l’illegalità: sono due dj che inseguono il loro sogno tra rave nel deserto, posti di blocco e dischi clandestini. Quando tutto sembra destinato al fallimento, e fatti i conti con la teocrazia, ecco il colpo di scena.

In Iran la musica occidentale, di qualsiasi genere, è completamente illegale e non viene trasmessa dalle radio e dalle tivù statali. Nel 2014 furono sei i giovani arrestati per essere apparsi nel video virale della hit di Pharrell Williams, “Happy”, poi condannati al carcere e a ricevere 91 frustate ciascuno. Il documentario non ha ancora una distribuzione ufficiale: è stato proiettato in alcuni festival cinematografici (Vision du Reel di Nyon, Hot Docs di Toronto, DOK.fest di Monaco, Bel Docs di Belgrado e Iranian Film Festival di Zurigo) e ora approda a Bologna.

Alcune scene di questo film sono state girate con un telefonino: le riprese fatte con una telecamera avrebbero potuto destare sospetti e creare seri problemi con la polizia. Una testimonianza coraggiosa e preziosa dal sapore veramente underground e dal messaggio rivoluzionario: la passione può avere la meglio sul potere. Ulteriori info su www.ravingiran.com.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.