• LUNEDì 15 AGOSTO 2022
News

Dopo 11 anni finalmente un nuovo album di Carl Cox

Il dj britannico dopo un lungo silenzio discografico ha rivelato i dettagli del suo nuovo lavoro da studio intitolato ‘Electronic Generations’. E arriva anche un singolo con Nicole Moudaber

Carl Cox ha svelato finalmente i dettagli del suo nuovo album, ‘Electronic Generations’, dopo quasi undici anni di silenzio da ‘All Roads Lead To The Dancefloor’. L’album, prodotto nel suo studio di Melbourne, in Australia, uscirà il prossimo 16 settembre tramite BMG. Contemporaneamente a questo annuncio arriva anche un singolo inedito, ‘How It Makes You Feel’, realizzato a quattro mani con la collega Nicole Moudaber.

Questa nuova puntata discografica di Carl Cox è la seconda in ordine cronologico dopo la pubblicazione di ‘Speed Trials on Acid’, uscita all’inizio dell’anno e nata dalla collaborazione con l’amico fidato Norman Cook, ossia Fatboy Slim. Con i suoi incessanti colpi di synth e le sue melodie martellanti, il brano con la Moudaber fa leva su un delirio di percussioni che portano a un sound ibrido a cavallo tra la house, la techno e la hardcore.

La copertina di ‘Electronic Generations’, il nuovo album di Carl Cox

‘How It Makes You Feel’ segna una seconda volta tra Cox e la Moudaber, che diedero vita nel 2014 a ‘See You Next Tuesday’. La dj attirò l’attenzione del collega per la prima volta quando riuscì ad arrivare a firmare per la Intec Records. Era il 2009 e da allora la coppia è diventata più unita che mai. Lui ha invitato lei a remixare la sua ‘Chemistry’ nel 2011 e lei ha suonato al fianco di lui in innumerevoli festival e club, Ibiza inclusa.

“Nell’oscurità della techno di oggi, volevo creare qualcosa di più gioviale. Quindi l’originale è una traccia abbastanza facile da apprezzare, è molto fresca”, spiega Carl Cox. Con questa nuova versione Nicole ha tuttavia realizzato una rivisitazione molto oscura e contorta, techno ed epica allo stesso tempo, da suonare dall’inizio alla fine per ottenere un’esperienza completa che porta a un vero viaggio”.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.