• GIOVEDì 29 SETTEMBRE 2022
Esclusiva

Come la DJ MAG Top 100 Djs è diventata un mito

Carl Cox, Tiësto, David Guetta e gli altri: così la nostra classifica è diventata l'ago della bilancia dei gusti e delle fazioni di fan, e dato sensibile per chi opera nell’industria dei dj e dei club

La DJ MAG Top 100 Djs è la classifica a giuria popolare più votata al mondo. Un dato che definisce meglio di molti giri di parole la trasversalità e l’amore che la Top 100 riesce a calamitare intorno a sé. Ma che cos’è la Top 100?

È la classifica dei 100 dj più amati dal pubblico, ovvero dai lettori di DJ MAG in tutto il mondo. Si vota ogni anno, in genere tra la tarda primavera e la fine dell’estate. I voti, perlomeno negli ultimi anni, avvengono via web. E in autunno ha luogo la cerimonia di premiazione, un countdown che vede poi incoronato il dj numero uno al mondo. Da sempre, la Top 100 Djs scalda gli animi, e allo stesso tempo è uno dei principali termometri con cui un dj può salire nel gradimento popolare come nella considerazione del mercato: moltissimi sono gli esempi di personaggi che dopo performance rilevanti nella classifica hanno visto accrescere esponenzialmente il numero di richieste di serate e, contestualmente, il proprio cachet. Ma come diventa una “semplice” classifica di una rivista specializzata ago della bilancia dei gusti e delle fazioni di fan, e dato sensibile per chi opera nell’industria dei dj e dei club? Facciamo qualche passo indietro.

 

Sono i primi anni ’90 e il mondo dei dj sta vivendo in tutta Europa un momento molto felice. House, techno, suoni dance ed elettronici sono il nuovo che avanza. I dj più bravi e famosi iniziano ad essere delle superstar anomale i cui nomi e volti sono conosciutissimi da chi frequenta i club ma anonimi per tutto il resto del mondo. In questo clima spuntano le riviste specializzate che trattano di musica elettronica e dance. DJ MAG è, da subito, prima la fanzine e poi la rivista per eccellenza in questo settore. La più credibile, la più autorevole, la più letta. Così, nel 1993 la redazione ha una trovata che si rivelerà geniale: perché non stilare una classifica dei migliori dj sulla piazza? Detto fatto. Nasce ufficialmente la DJ MAG Top 100 Djs.
E com’era la prima classifica? Un elenco di nomi, senza posizioni, scelti dalla redazione insieme a una giuria di esperti pescati tra varie figure del settore. La lista è molto British-centrica, per ovvie ragioni: DJ MAG è una testata britannica e Londra è il polo di riferimento per il clubbing. Compaiono nomi tutt’oggi saldamente al comando del sistema, altri che sono al tempo le star delle radio inglesi o dei club e dei rave che al momento stanno andando forte nel Regno Unito. Più qualche padre fondatore americano e qualche dj europeo capace di farsi strada in ambito internazionale. Diversi italiani sono presenti in quel primo elenco, tra cui un curioso “Cuccoluto” (ovviamente, Claudio Coccoluto).

 

E poi? Poi succede che tutti vogliono essere nel gioco, che la Top 100 diventa il trademark di DJ MAG e appunto motivo di ampie discussioni, prima con le lettere in redazioni, poi con le e-mail, poi con i forum, poi con i commenti sui social. Sign o’ the times. Nel 1997 la DJ MAG Top 100 Djs cambia formula e diventa una classifica con delle posizioni, votata dal pubblico. Come dire: ci criticate? Votateli voi! La prima edizione a voto popolare vede Carl Cox vittorioso su Paul Oakenfold e Sasha, e una top 10 interamente britannica. Un dominio che finirà nel 2002 quando Tiësto viene incoronato (sarà la prima di innumerevoli vittorie). Di lì in poi, la Top 100 vedrà alternarsi dj e stili durante vent’anni davvero entusiasmanti per il mondo dei club. Il settore cresce, diventa industria in tutto e per tutto, e i nomi in classifica e in hype rispecchiano queste trasformazioni. David Guetta, Martin Garrix, Dimitri Vegas & Like Mike, Armin Van Buuren ma anche Charlotte de Witte, Nina Kraviz, Steve Aoki, Skrillex, deadmau5, non tutti vincitori ma tutti rilevanti.

E oggi? Oggi siamo nel 2022, i tempi sono cambiati ancora, la DJ MAG Top 100 Djs è sempre qui, ogni anno i votanti crescono, mentre non cambiano le discussioni intorno alla classifica. A ben guardare, rileggendo gli annali, al netto di tutto la Top 100 è davvero uno specchio dei tempi e rappresenta una serie di fotografie che raccontano benissimo ogni evoluzione della club culture. Con buona pace dei detrattori.

A proposito, sono aperte le votazioni per la Top 100 2022. potete votare i vostri cinque dj preferiti QUI.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Albi Scotti
Giornalista di DJ Mag Italia e responsabile dei contenuti web della rivista. DJ. Speaker e autore radiofonico.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.