Martedì 19 Novembre 2019
Costume e Società

Cosa dice la canzone di Mike Posner?

 

‘I Took A Pill In Ibiza’ di Mike Posner è diventata un successo internazionale grazie al remix tropical house di SEEB. Ascoltata quasi 300 milioni di volte su Spotify, costantemente in cima alla Global Chart sia di Spotify che di Shazam, il videoclip è stato visto più di 120 milioni di volte ma il brano è al centro dell’attenzione per i contenuti espliciti del testo.

 

 

Il testo della canzone infatti, a partire dal titolo censurato in UK in ‘Ibiza’, sta facendo molto discutere per il messaggio non proprio educativo che tra l’altro chiama in causa anche Avicii. Posner infatti racconta la sua esperienza con l’ecstasy avuta a Ibiza e addirittura l’ufficio del turismo dell’isola, evidentemente non proprio contento, ha invitato l’autore a visitare le bellezze delle Baleari e i musei. Perché Ibiza non è solo alcool e droga. Ma cosa dice la canzone?

Ho preso una pastiglia a Ibiza per far vedere ad Avicii che ero un figo.

E quando finalmente mi sono ripreso, mi sono sentito 10 anni più vecchio.

Ma fanculo, era una cosa che dovevo fare.

Vivo a Los Angeles, guido una macchina sportiva così solo per il gusto per poterla provare.

Sono un coglione perché ho fatto un milione di dollari e gli ho spesi tutti in ragazze e scarpe.

Sono solo un cantante che ha già sparato la sua cartuccia.

Vado d’accordo con i più vecchi perché il mio nome è legato al ricordo di una canzone pop che le persone hanno dimenticato.

Non riesco neppure a tenermi una ragazza perché, non appena si alza il sole, taglio tutti i legami e uso la scusa del mio lavoro.

Ma la verità è che non posso aprirmi.

 Ho preso un aereo per la mia città.

Ho portato il mio orgoglio e la mia chitarra.

Tutti i miei amici sono andati, tutti i prati sono ben curati.

E la gente pensa ancora che io sia una stella.

Ho camminato per il centro.

Ho incontrato alcuni fan a Lafayette:

Spiegaci come aver successo, mi dicono, che stiamo diventando impazienti.

Così li ho guardati negli occhi e gli ho detto:

Ma tu non vuoi essere drogato come me.

Senza sapere veramente il perché, proprio come ho fatto io.

Tu non vuoi mai scendere dalle montagne russe ed essere tutto solo.

Tu non vuoi prendere un bus come questo senza mai sapere di chi fidarsi.

Tu non vuoi essere bloccato lassù a cantare su quel palco.

Tesoro, tutto quello che so sono canzoni tristi.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Ale Lippi
Scrivo e parlo di Electronic Dance Music per Dj Mag Italia e Radio Deejay (Albertino Everyday, Deejay Parade, Dance Revolution, Discoball). Mi occupo di club culture a 360°, dal costume alla ricerca musicale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.