• LUNEDì 15 AGOSTO 2022
Costume e Società

Diplo è stato rimbalzato al party sullo yacht in cui doveva suonare

È successo a Cannes, durante un lussuoso evento privato: la security non ha trovato il nome della superstar sulla lista degli invitati

Il terrore di chiunque frequenti il mondo della notte, dei party e degli eventi legati alla musica (e alla mondanità) è quello di essere “rimbalzati”, di non essere ammessi alla festa. Che sia per una questione di abbigliamento sbagliato, di capienza, o di nomi che non sono sulla lista degli invitati. Non raccontiamoci balle: quando il tizio serio e incazzoso della sicurezza ci dice di no e non sgancia il cordone di velluto, sudiamo freddo.

Ma nella nostra testa questo è ciò che non può succedere, mai, a uno come Diplo. Il re delle feste. Il dj mondano tra i mondani, il globetrotter che un giorno suona a un block party in spiaggia con le cuffiette di un ragazzino, il giorno dopo è a pranzo con Madonna, poi è sul mainstage di un festival mentre il nuovo pezzo di Major Lazer sbanca le classifiche con qualche featuring di lusso, e poi, ancora, è ai box di un Gran Premio di Formula 1 con Lewsi Hamilton. Il capo del mondo, insomma. E  invece…

Invece proprio Diplo racconta una disavventura legata da “non sei in lista” sui suoi canali social: in un video su Instagram lo vediamo respinto senza tanti complimenti dalla sicurezza del padrone di casa, che non ha riconosciuto il noto dj, il cui nome non era sulla lista degli invitati proprio perché guest star della serata. Ingaggiato per suonare a un esclusivo evento privato a bordo di uno yacht a Cannes, si è trvoato nella spiazzante situazione di essere rimbalzato all’ingresso. “La security non mi ha lasciato passare. Lo yacht era vuoto, stavo andando a prendere qualcosa da mangiare”. tenta di spiegare inutilmente Wes Pentz all’addetto alla sicurezza e alla responsabile delle liste (fa molto ridere la didascalia in cui Diplo dice “eccola entre finge di controllare nuovamente la lista”). Saranno stati i capelli blu, o l’abbigliamento “troppo sportivo” come nelle peggiori selezioni all’ingresso dei club di provincia, a impedire al boss di Mad Decent di salire a bordo? O un eccesso di zelo da parte del personale?

A risolvere la situazione è stato il proprietario dell’imbarcazione, che è arrivato giusto in tempo per la classica scena da “ora vediamo chi ha ragione”. Il tutto si è risolto senza drammi ma con una storia sicuramente divertente, e a suo modo emblematica, da raccontare.

 

 

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 

 

Un post condiviso da diplo (@diplo)

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Albi Scotti
Giornalista di DJ Mag Italia e responsabile dei contenuti web della rivista. DJ. Speaker e autore radiofonico.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.