Mercoledì 16 Ottobre 2019
News

Dirty South: cortometraggio e nuovo album

Il dj e produttore serbo naturalizzato australiano Dirty South, dopo un anno di stallo musicale, è tornato in scena con un nuovo album, a cui è seguito pochi giorni fa il personale remix della sua ‘FreeFallin’. ‘With You’, questo il nome, è tuttavia qualcosa in più di un album musicale: è anche un cortometraggio. Sì perché come ci ha spiegato Dragan stesso, le sonorità delle sue nuove creazioni spaziano tra l’EDM e l’indie music, con uno stile fortemente “cinematografico”, riprendendo una sua definizione. Dirty South, nominato ben due volte ai Grammy’s negli ultimi cinque anni e nome fisso della Dj Mag Top 100 da ormai sette, ha scritto, editato e diretto in primissima persona il cortometraggio, segno di un notevole “next step” artistico. Ne è prova il successo conseguito, con la prima posizione raggiunta su Itunes album in ben diciassette paesi, e il cast di ottimo livello: tra gli attori figura anche Gary Dourdan, la star della serie tv CSI. L’album e il cortometraggio, il cui soundtrack del secondo è ovviamente ricavato dal primo, sono disponibili ufficialmente a partire dal 4 Novembre tramite Astralworks. Negli ultimi giorni, sono riuscito a intercettare il diretto interessato e a fargli un paio di domande veloci a riguardo.

Partiamo dal tuo film ‘With You’. Come ti è venuta l’idea di un progetto artistico così particolare?

Ho fatto un anno di pausa musicale per dedicarmi alla filmografia. Quando, al termine di questo periodo, sono tornato alla produzione musicale e ho finito il mio nuovo album, mi sono reso conto che suonava molto “cinematografico”. Quindi perché non girare un film?

Hai scritto, diretto ed editato il film da solo. Diamo un accenno di plot per il pubblico!

E’ una storia d’amore tra un ragazzo e una tizia fuori di testa.

L’arte della direzione del film e della musica sono molto simili: muovere le emozioni delle persone senza troppi giri di parole, semplicemente trasmettendo la tua magia attraverso fotogrammi, o note. E’ sempre questione di “premere i pulsanti giusti”. O magari per te è stata un’esperienza completamente diversa…

Girare un film è una cosa diversa, ma mi sono reso conto che ci sono dei punti di connessione: ad esempio dirigere un attore o un’attrice è molto simile con il dirigere una cantante di una tua vocal track. L’ho trovato un processo molto familiare. La vera differenza sta nel fatto che girare un film comporta uno staff ben più esteso di una produzione musicale.

Parliamo dell’album. Qui hai sperimentato strade di elettronica e di indie; sembra un concetto musicale nuovo per quello che è il tuo stile, no?

Per un certo verso sì, ma in realtà sono sempre stato attratto dalla musica così emozionale, e penso questo album sia un passo ulteriore che faccio in questa direzione.

Cosa comporta, secondo te, l’ingresso così prepotente dell’EDM nel mondo pop?

E’ sia positivo che negativo. Apre le porte a molti più artisti, ma allo stesso tempo ci si perde molto di qualità.

Sei in tour al momento?

Al momento mi trovo a Los Angeles e sì, sono in tour nel nord America in occasione del nuovo album.

Tre tracce essenziali e un altrettanto essenziale artista emergente?

La mia ‘With You’, ‘City of Dreams’ e il mio remix di ‘Sweet Disposition’. Un nuovo artista che dovete assolutamente sentire è Ruben Haze!

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
25 anni. Romano. Letteralmente cresciuto nel club. Ama inseguire la musica in giro per l'Europa ed avere a che fare con le menti più curiose del settore. Se non lo trovi probabilmente sta aggiornando le playlist di Spotify.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.