Domenica 26 Gennaio 2020
Interviste

EDX: “Sono deadmau5 e Prydz i veri influencer”

Ospite di Albertino negli studi di Radio Deejay, Maurizio Colella, noto ai più come il dj EDX, impegnato nei suoi set in giro per il mondo, si è soffermato a parlare con DJ Mag Italia in merito ai maggiori influencer presenti oggi nel settore della musica dance.

“Sono stato un grande fan di artisti come Kraftwerk, Carl Cox, Laurent Garnier, DJ Hype e molti altri, fin da quando ho cominciato a scavare a fondo nel mondo dell’elettronica”, ci svela. “Oggigiorno abbiamo molti pionieri in diversi generi, da deadmau5 a Eric Prydz, passando da Avicii, Kygo sino Robin Schulz”. Ecco l’intervista.

 

Ci sono outsider elvetici?

Sì, Nora En Pure e (a dispetto del suo nome, ndr) Croatia Squad.

La Svizzera ha così tanti talenti?

Sì, alla lista aggiungo Daniel Portman, Cedric Zeyenne, Sons Of Maria, Andrea Oliva, Adriatique, Platinum Doug, Schuhmacher, Mike Candys, Gino G, Marco Caruso e altri ancora.

 

Una curiosità?

Mi sveglio ovunque sono, sempre tra le 7 e le 7 e 30 e questo accade anche se vado a dormire alle 5 del mattino.

 

EDX abita a Zurigo almeno 3-4 mesi all’anno e il resto del tempo?

Almeno 2-3 mesi all’anno li passo tra Los Angeles e Miami. Viaggio tanto. Sono spesso a Las Vegas, più o meno dieci volte l’anno e questo grazie ai vari contratti come resident maturati negli ultimi cinque anni. Per gli americani, Las Vegas è una loro Ibiza.

 

EDX vs EDM? Quanto sono così lontani questi acronimi?

Uso questo nome dal ’92, da molto prima che inventassero EDM ed EDC. Sono cresciuto con l’evoluzione elettronica e ho attraversato tutti i generi, da ragazzo. Mi è sempre piaciuto un suono che desse una vera atmosfera, ecco perché puoi sempre trovare quella sensazione nella mia musica. Continuerò a evolvermi, nei prossimi anni.

 

House, deep, future: quale domani per la musica dance?

Amo il sound con un tocco di anima, capace di colpire. Ultimamente ho pubblicato “Revered”, un brano molto underground. Sono comunque sempre alla ricerca di un suono nuovo.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.