• GIOVEDì 02 FEBBRAIO 2023
News

Il film italiano sull’italo disco al Festival di Rotterdam

Ha destato molto interesse all’International Film Festival Rotterdam il film che racconta il suono dance italiano da esportazione degli anni Ottanta

Con la regia di Alessandro Melazzini e coprodotto da società tedesche e italiane come Alpenway Media GmbH, Rai Com, BR e ARTE G.E.I.E, ‘Italo Disco – Il Suono Scintillante degli Anni 80’ è stato l’unico film italiano in lizza all’International Film Festival Rotterdam, annuale rassegna cinematografica da poco conclusasi che si svolge in vari cinema della città olandese e una delle kermesse di settore più importanti a livello europeo.

Il lungometraggio vede come protagonisti Michelangelo e Carmelo La Bionda, Sabrina Salerno, Savage, Johnson Righeira, Pierluigi Giombini, Linda Jo Rizzo, Daniele Baldelli, DJ Hell, Mathias Modica, Claudio Casalini, Flemming Dalum, Ivo Stefano Germano, Christa Mikulski ed Eckhart Schmidt. Un film dal suono riconoscibile degli anni ‘80, questo, che permette allo spettatore di immergersi totalmente nell’universo musicale di un’epoca.

 

 

L’Italo disco è il genere al quale milioni di giovani europei si sono abbandonati grazie a melodie sintetiche e orecchiabili, con testi inglesi più o meno bizzarri, ritmi elettronici coinvolgenti e videoclip davvero visionari. Nel raccontare la nascita e lo sviluppo di uno stile sonoro dalle molteplici anime, questo documentario approfondisce gli aspetti creativi, economici e produttivi di quella che è stata anche industria musicale e fenomeno sociale.

Lo stesso Melazzini ha detto questo è un film dedicato a quelli che vogliono “ascoltare buona musica” o comunque “una musica che è a pieno titolo parte della dance europea e mondiale; soprattutto per chi crede che Made in Italy sia solo Giorgio Armani, Ferrari, Prada e Umberto Eco. Il suono di un epoca spesso raccontata “ma non sempre davvero capita”, dicono i cultori del genere sparsi in giro per il globo.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.