Venerdì 18 Giugno 2021
News

I KLF ritornano con un film distopico

‘Welcome To The Dark Ages’ è il nuovo film sull’ormai più volte annunciato ritorno sulle scene di Bill Drummond e Jimmy Cauty, impegnati oggi a costruire un nuovo iconico monumento

Bill Drummond e Jimmy Cauty non si sono mai considerati un gruppo pop bensì un fenomeno che, dietro a mille e più brand, uno su tutti quello dei KLF, è andato oltre ogni schema. Un comunicato stampa sul film presentato da pochi giorni, ‘Welcome To The Dark Ages’, aggiorna il concetto presentando i due piuttosto come “impresari di pompe funebri new age che costruiscono la ‘The People’s Pyramid, un monumento costruito con 34.952 mattoni forgiati dalle ceneri di cadaveri cremati”.

Drummond e Cauty sono un passo avanti rispetto a tutti: propongono distopiche idee, ovviamente perfettamente sonorizzate, che con sarcasmo mettono a dura prova l’opinione pubblica. La loro ultima trovata è la MuMufication, dove chiunque ha la possibilità iscriversi per essere sepolto nella Piramide del Popolo per sole 99 sterline (meno di 110 euro).

 

Lo slogan appositamente forgiato è “Compra ora, muori dopo” e celebra il ‘Toxteth Day Of The Dead’, evento che si svolge il 23 novembre di ogni anno. Durante la data, celebrata nel quartiere di Toxteth a Liverpool, vengono posati i mattoni creati nei 12 mesi precedenti. Il film ‘Welcome To The Dark Ages’ inizia nel ventitreesimo secolo, in una landa desolata post-apocalittica, un tempo area settentrionale della città in cui nacquero i Beatles.

Il film segue il primo anno del progetto della piramide e raccoglie le interviste, fatte direttamente da Drummond e Cauty, a persone che hanno acquistato un mattone, dai fan più accaniti del duo sino a una bambina di otto anni che dopo mesi di tentativi è riuscita a convincere suo padre a comprare un mattone per lei e per la sorellina di cinque mesi.

Il regista Paul Duane da Twitter ha rivelato che la coppia già all’inizio delle riprese non aveva accettato di essere filmata. “Ho poi insistito e alla fine hanno accettato. Abbiamo iniziato a girare. Il secondo giorno mi hanno detto che non erano più interessati a prendere parte al film. Ho continuato. Mi hanno permesso di filmare tutto ciò che volevo, purché non chiedessi loro nulla o non cercassi di fargli fare cose. Quando gli ho mostrato il film finito, mi hanno chiesto di distruggerlo.

Così però non è stato. Duane, Drummond e Cauty hanno trovato un accordo andando oltre. Gli artisti hanno creato l’azienda di pompe funebri Callender, Callender, Cauty e Drummond, Undertakers to the Underworld (i soci sono tutti ritratti nell’immagine di apertura), nata dalla collaborazione tra K2 Plant Hire e Green Funeral Company. La Piramide del Popolo deve essere costruita con mattoni contenenti ciascuno 23 grammi di ceneri umane.

 

 

Il primo mattone posato conteneva le ceneri del fratello di Cauty, Simon, morto nel 2016. Anche Jimmy ora vuole essere trasformato in un mattone. Drummond e Cauty, attraverso le parole del regista, hanno voluto ribadire ancora una volta di essere i JAMs, ossia The Justified Ancients of Mu Mu, ma che questi “non sono i KLF (…)”, legati al music business come ricorda un approfondimento di BBC.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.