Giovedì 19 Settembre 2019
Festival

Gli highlights del sabato di UMF

 

E anche la seconda giornata di Ultra è andata via liscia come l’olio. Hardwell e Avicii erano sicuramente gli artisti più attesi della giornata sia dai fan dell’EDM sia dagli addetti ai lavori che hanno potuto finalmente scoprire e sentire all’opera una serie di dischi inediti ampiamente annunciati come successo la sera prima con Martin Garrix.

L’olandese non ha deluso le aspettative. L’energia dei suoi set è senza discussione e nella performance di ieri spicca il featuring con Craig David salito sul palco per presentare “No Holding Back” in uscita a breve su Revealed. Avicii invece come da tradizione ha dedicato il 50% del suo set alle nuove produzioni che andranno a comporre il terzo album in studio per il quale non c’è ancora una data di uscita ufficiale ma del quale già si conosce gran parte del contenuto. Il piglio pop dello svedese – che pare essersi ritrovato anche fisicamente a vedere dal braccio e dalla mano magica sempre in movimento – è ormai una firma riconoscibile in mezzo ad altre mille. Un valore aggiunto che rende Avicii uno degli artisti dance più rilevanti degli ultimi anni che con “Wake me up” ha rivoluzionato la percezione della musica dance.

Interessante anche il posizionamento di Tiesto che, per la prima volta da quando ho memoria, sale sul main stage di Bayfront Park con il sole negli occhi. Motivo in più per proporre qualcosa di diverso cosa che al colosso di Breda riesce sempre molto bene. Tiesto è il padre artistico di molti giovani protagonisti e anche questa volta non perde l’occasione di farcelo sapere. In consolle con lui appaiono Oliver Heldens, la nuova leva Mike Williams, The Chainsmoskers (scovati in un club di New York come sottolinea al miocrofono), DallasK e le cantanti Delaney Jane e Vassy.

Inquietati dalla presenza di Malaa e del suo (team?) incappucciati manco fossimo in tempi di guerra… (comunque il sound è buono) ci spostiamo verso la megastructure dove Carl Cox domina incontrastato con una maglietta nera dello Space che ricorda i 27 anni di militanza che si concluderanno questa estate.

Grande fermento quando viene annunciato Deadmau5 a sorpresa al posto dei Prodigy costretti al forfait per motivi di di salute sul live stage dove AlunaGeorge allietano il pomeriggio e i Nero spaccabo in due la notte di Miami.

Tra poche ore si riparte. Ci aspetta la serata finale.

 

12885958_10153633958652739_9170989948863060513_o
Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Ale Lippi
Scrivo e parlo di Electronic Dance Music per Dj Mag Italia e Radio Deejay (Albertino Everyday, Deejay Parade, Dance Revolution, Discoball). Mi occupo di club culture a 360°, dal costume alla ricerca musicale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.