Mercoledì 13 Novembre 2019
Interviste

Hasse de Moor, provate a prendermi!

Giovanissimo, olandese e dal talento puro. A dire la verità, Hasse de Moor ce l’aveva consigliato un suo connazionale già qualche mese fa. Infatti nell’intervista a Naten dello scorso Ottobre, alla richiesta di “un emergente che ci sorprenderà nei prossimi mesi” la risposta secca indicava proprio Hasse de Moor e ascoltando i suoi ultimi lavori, la previsione è stata più che azzeccata.

Nel giro di pochi mesi l’olandese classe ’97 ha portato dalla sua parte una collaborazione con i GLOWINTHEDARK, un remix ufficiale per gli Yellow Claw e per Diplo, uscite discografiche su Spinnin’ e Mad Decent e per chiudere il cerchio un remix dell’ultima hit di DJ Snake “Middle”. Un vero monkeyboy, come si definisce lui stesso, capace di distruggere i dancefloor con un sound originale che fa della brutalità e della potenza dei suoni un marchio di fabbrica unico.

Uno “svitato” (è proprio il caso di dirlo) di prima categoria che si sta facendo amare sopratutto negli Stati Uniti dove, grazie all’interesse di protagonisti assoluti come il gruppo OWSLA, Diplo e Dillon Francis, sta conquistando sempre più pubblico che lo segue con attenzione.

Nel giro di tre mesi hai pubblicato musica su Mad Decent, Spinnin’ e Dim Mak, qualcuno potrebbe dire che hai una formula magica. Come riesci ad essere cosi produttivo e a rimanere comunque originale e fresco?

Provo a lavorare sempre su più progetti allo stesso tempo, sento che in quel modo non mi affosso creativamente su un progetto che devo finire per via di una deadline o cose del genere. Poter pubblicare su queste label mi rende davvero motivato perchè erano più o meno questi gli obiettivi di quando ho iniziato. L’ambizione mi porta a fare musica e mi tiene anche motivato al restare creativo.

Cosa ti ha portato a produrre musica elettronica?

Quando ero al primo anno di superiori sono stato ad un party e dopo aver visto l’interazione del dj con le persone ho immediatamente capito che quello era ciò che volevo. Da lì ho iniziato a fare pratica con le prime cose che potevo permettermi e dopo un anno sono stato pesantemente ispirato da gente come Skrillex e Diplo, così ho iniziato anche a produrre la mia musica.

Ascoltando i tuoi lavori si ritrovano varie influenze come quella dell’hip hop e dei generi hardstyle. Con che musica sei cresciuto in questi anni?

Si, il mio background musicale è stato molto influenzato da mio papà. Sono cresciuto ascoltando il vecchio r&b e l’hip hop che mi faceva ascoltare lui. Invece credo che l’influenza più hardstyle venga proprio dalla cultura olandese in cui sono cresciuto: amo ancora quei suoni fuori di testa!

https://soundcloud.com/hasse-de-moor/dj-snake-feat-bipolar-sunshine-middle-hasse-de-moor-remix

Guardando sul tuo profilo SoundCloud si nota una condivisione ben in vista. Si tratta di un EP di Meek Mill, quattro tracce hip hop/rap americane. Segui molto quel tipo di artisti? Speri di poter fare qualcosa del genere in futuro? Magari con qualche rapper in particolare…

Si, sono un grande fan del rap/hip hop! Mi piacerebbe lavorare con qualche rapper americano un giorno. Ultimamente seguo molto Travis Scott, Nav, Kanye West e tanti altri.

C’è molta attenzione nei tuoi confronti da parte della scena americana e in particolare da artisti come Diplo e Dillon Francis. Quale è stata la tua reazione dopo che hai realizzato di piacere ai grandi numeri uno della musica che ami? Cosa è cambiato da quel momento ?

La prima volta che Diplo ha suonato una mia canzone nel suo radioshow sono letteralmente impazzito. È bello vedere i nomi che ti hanno ispirato diventare delle persone che ti aiutano e condividono la tua abilità. Cose del genere mi tengono davvero motivato e penso che sia stato proprio in questo il cambiamento più grande: la motivazione.

Lo scorso Agosto hai suonato al Mysteryland nello stage Crazy Town. Cosa ricordi di quell’esperienza? C’è un momento in particolare che non dimenticherai mai?

Suonare al Mysteryland è stata un esperienza magnifica. Il momento più bello è durato tutto il mio set. Ho suonato in questo specie di bunker e la folla era davvero presa dalla musica: un esperienza che non dimenticherò.

Per salutarci, questa è la stessa domanda grazie alla quale ti abbiamo scoperto nell’intervista a Naten. C’è un giovane emergente come te che secondo te ci sorprenderà nei prossimi mesi?

Vi consiglio davvero di tenere un occhio su Happy Colors, G-Buck e GLD quest’anno! Ci sono grandi cose all’orizzonte per questi ragazzi. Anche K1KO, Dapp e Topi sono molto sottovalutati!

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Marco Cucinotta
Innamorato del suono che irrompe squarciando la mediocrità, sono sensibile al cielo quando incontra le stelle e nutro la mia fede nell'avvenire lasciando che siano le sensazioni a parlare di verità.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.