Domenica 25 Agosto 2019
Festival

I set times di Ultra sono lo specchio della scena EDM

 

Attesi come un fashion blogger aspetta l’ultima capsule collection di Louis Vuitton con Supreme, i set times dell’Ultra Music Festiva di Miami sono la prima prova tangibile di come sia l’assetto della scena EDM.

MAIN STAGE – La situazione appare naturalmente evidente. Major Lazer e Dj Snake, rispettivamente il venerdì e la domenica, chiuderanno il palco principale del festival. Questa è la nuova EDM. Aspettiamoci qualche guest star di lusso. Nel mezzo Axwell e Ingrosso sembrano gli unici in grado di competere con l’onda d’urto della trap-hip-future-dancehall-hop-bass. Non so veramente più come chiamarla. So solo che la combinazione è irresistibile, soprattutto negli Stati. Interessante il posizionamento di Armin Van Buuren senza laser show (venerdì 24, 19:30). Da seguire lo slot di Tchami un’ora prima, mentre gli orari di sabato 25 confermano che Tïesto ha abbassato definitivamente i bpm, preferendo gli slot al tramonto (19:15). Molto bene Above & Beyond, confermatissimi sul palco principale (sabato 25 ore 20:50). Sulla domenica spicca il declassamento di Hardwell alle 18:45 in favore di David Guetta (20:55).

LIVE STAGE – L’anfiteatro è sicuramente lo stage più interessante del Festival. Le chiavi per aprire sono state affidate a YOUNGR (venerdì 24, 18:30), tra i 5 nomi scelti per il 2017 da DJ MAG Italia. Da non perdere. Tutto da scoprire il live di KSHMR che in caso di successo potrebbe dare un bel colpo di coda al sound EDM. A seguire, sempre di venerdì, il grandissimo ZHU in uno dei set must see dell’Ultra Music Festival 2017. Sabato: Cypress Hill, Ice Cube, Chase & Status e The Prodigy. Domenica: Underworld e Justice. A conferma di quanto affermato in partenza.

CARL COX & FRIENDS – La grande tensostruttura ospita per due volte lo showcase di Carlone che per l’occasione ha invitato i soliti sospetti Joseph Capriati e Marco Carola (venerdì 24) mentre intrigante la scelta del back to back tra Sasha e John Digweed di globalundergroundiana memoria (sabato 25).

RESISTENCE – A proposito di underground. Da un paio d’anni Ultra presta molta attenzione a questo aspetto, cercando attraverso la spettacolare istallazione Arcadia Spider di attrarre il pubblico americano verso sonorità “europee”. Tre giorni di techno/house a 360° con, tra gli altri, Maceo Plex, Kölsch, Marcel Dettmann, Chris Liebing, Dubfire, Adam Beyer, Dubfire, Jackmaster, Seth Troxler e Jamie Jones.

 

ASOT – Domenica 26 Carl Cox lascia la megastructure a Armin Van Buuren per la sua consueta carrellata di trance di qualità. Da tenere d’occhio Vini Vici e NWYR, il progetto trance-oriented di W&W.

 

 

ULTRA WORLWIDE – Sotto la grande arcata di ledwall segnaliamo Netsky, Feed Me (venerdì 24), Alan Walker (sabato 25), Rezz, Malaa, NGHTMRE, Slushii e Getter (domenica 26).

 

UMF RADIO – Interessante takeover quello in atto sull’intimo stage UMF Radio. Vanerdì Mad Decent al completo (tranne Diplo). Sabato Oswla al completo (tranne Skrillex) e domenica Jacked al completo con Afrojack. Ma occhio alle visite a sorpresa dei boss.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Ale Lippi
Scrivo e parlo di Electronic Dance Music per Dj Mag Italia e Radio Deejay (Albertino Everyday, Deejay Parade, Dance Revolution, Discoball). Mi occupo di club culture a 360°, dal costume alla ricerca musicale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.