Venerdì 14 Agosto 2020
Costume e Società

In Tunisia un club ha chiuso per colpa di un disco “immorale”

 

Dax J probabilmente è noto a molti di voi. Il club El Guitone, nella città di Nabeul, probabilmente non lo è altrettanto. Ancora più probabile, non ne sentiremo più parlare perché il locale è stato chiuso dopo che il dj britannico si è permesso di suonare una traccia che conteneva dei sample di canti dei muezzin islamici. Il muezzin è una figura religiosa musulmana, di grande impatto se non siete cresciuti in un Paese di fede islamica e vi ci imbattete per la prima volta: sono gli uomini che all’ora della preghiera si appostano in cima ai minareti e cantano il richiamo alla preghiera. Un momento molto suggestivo da vivere. Ma se lo chiedete a Dax J, non credo sia d’accordo. Il dj ha suonato il pezzo incriminato (la serata aveva un forte respiro internazionale, si trattava di un festival in cui si esibivano anche Radio Slave e DVS1), la folla pare non abbia gradito e ha reagito piuttosto male. Per male intendo: club chiuso per “violazione delle leggi sulla buona morale”; indagini in corso; minacce di morte rivolte a Dax J anche attraverso la sua pagina Facebook, che il dj ha dovuto chiudere. Tutto questo nonostante le scuse ufficiali degli organizzatori di Orbit festival (leggete qui sotto il comunicato, se conoscete il francese) e di Dax, che giura di non aver voluto offendere in alcun modo la morale locale. La morale che vi do io, invece, è semplice: guai a scherzare con certe cose. Senza bisogno di essere bigotto, personalmente non mi importa più di tanto se qualcuno scherza con le cose sacre (entro un limite di rispetto e buongusto come su qualsiasi altra faccenda che tocchi la sfera “personale”). La reazione dei tunisini è certamente esagerata, per i nostri canoni assolutamente fuori dal mondo. Ma rispettare la religione è sempre cosa buona e giusta, specialmente in un periodo storico in cui siamo politicamente corretti con tutto e tutti (in questa parte di mondo) e dove per cose come questa si minaccia il linciaggio (altrove). Vale sempre il proverbio: scherza coi fanti, ma lascia stare i santi. Amen e così sia.

 

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Albi Scotti
Giornalista di DJ Mag Italia e responsabile dei contenuti web della rivista. DJ. Speaker e autore radiofonico.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.