Mercoledì 19 Dicembre 2018
News

La brutta gaffe di Martin Solveig alla cerimonia del Pallone d’Oro

La superstar francese l'ha sparata grossa durante un'importante cerimonia della FIFA. Che figuraccia! Ma almeno ha rimediato...

Martin Solveig, leggenda francese del dance pop, da ieri sera è sulle prime pagine di tutti i quotidiani e sfortunatamente non per meriti artistici. In occasione della cerimonia di consegna del primo Pallone d’Oro Femminile della storia – vinto dalla norvegese Ada Hegerberg del Lione – si è lasciato andare in un’uscita infelice nei confronti della vincitrice. Al ritiro del premio, in diretta mondiale, il dj le ha chiesto sai twerkare?”. Gelo in studio e secco “no” di risposta dalla Hegerberg, che prontamente abbandona il palco con evidente espressione imbarazzata, tra l’altro condivisa anche da Kylian Mbappè, candidato al premio maschile. Subito è partito l’inevitabile assalto mediatico, ma almeno il francese non ha fatto tardare le scuse, arrivate pochi minuti dopo via Instagram Story, alla luce dell’immediato polverone. “Mi sono spiegato con lei e mi ha detto di aver capito fosse solo uno scherzo” ha dichiarato, testimoniando il tutto con una foto dei due insieme. La conferma arriva anche da Ada: “Martin si è subito scusato e non ho più pensato a quanto successo, ma soltanto alla felicità per questo premio”. Però Martin, che figuraccia! Per te e per la dj culture che inevitabilmente rappresenti in un contesto istituzionale del genere. Già di sessismo si parla spesso tra le file della scena elettronica, così come dei vari tabù dei quotidiani nazionali, se poi ti ci metti anche tu… 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Un ventiquattrenne romano letteralmente cresciuto nel club, ama inseguire la musica in giro per l'Europa ed avere a che fare con le menti più curiose del settore. Se non lo trovi probabilmente sta aggiornando la playlist di Spotify.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.