Sabato 04 Dicembre 2021
Storie

La Francia dopo i Daft Punk: chi salverà la scena elettronica francese?

Chi sono i nuovi volti del ‘New French Touch’ che terranno alta la bandiera d’oltralpe?
Foto: Dreamstime

Inutile negarlo. Vedere Guy Manuel incamminarsi solo nel deserto dopo l’esplosione di Thomas Bangalter ha fatto male, specialmente a chi ha un cuore nostalgico mai indifferente verso coloro che hanno rappresentato gran parte della colonna sonora di una vita. È chiaro che il periodo attuale tra pandemie, immobilismo musicale e una non certo florida (sia economicamente che artisticamente) situazione generale contribuiscono non poco a buttare giù il morale, anche se a ben interpretarli i segni della fine di un’epoca erano già stati tracciati.

Complici il rapido ed incessante mutamento dei tempi e il giungere di una (odiata e necessaria?) bulimia musicale che ha cambiato completamente l’approccio verso la musica, gli ascoltatori si sono rivelati in parecchi casi non più disposti a gustarsi quell’attesa che anticipava l’uscita di un nuovo album o ad assaporare una traccia in modo “fisico” come succedeva un tempo. Come ben sappiamo i Daft Punk avevano aperto, assieme ad altri grandi artisti straordinari, quella splendida fiamma chiamata French Touch e ne hanno portato avanti lo spirito fino al definitivo epilogo.

I Daft Punk agli esordi

Così come il meraviglioso vino d’oltralpe, anche la musica elettronica francese è catalogabile in annate per meglio comprenderne l’evoluzione, l’importanza e la qualità. È possibile suddividere il French Touch sostanzialmente in tre epoche; la prima, quella degli albori degli anni ‘ 90, con i pioneristici precursori Laurent Garnier, Stardust, Cassius e gli stessi Daft Punk; una successiva seconda fase con aperture a più e diversi stili come la nu disco dei Justice o la house di Kavinsky e compagnia.

Siamo arrivati al terzo capitolo. Ora si apre una nuova epoca e tocca ad altri nomi portare alta la bandiera del suono francese, dandogli nuova e vigorosa linfa per potersi innovare. La caratteristica più marcata della nuova generazione di dj, produttori ed artisti francesi è la sostanziale apertura ad influenze e stili che, nel primo ventennio del genere, non si era soliti ritrovare. Un esempio è dato dalla spiccata presenza di suoni tribali e tropicali nelle meravigliose opere delle due coppie Bleu Toucan e Polo & Pan. I primi con il loro ammiccante pop sapientemente mescolato alla house più melodica (da non perdere: ‘Hanoi Cafè’) e i secondi che, a tutti gli effetti, riescono a fondere con inaspettata nonchalance quanto di meglio possa esistere tra elettronica e musica tropicale, tra house ed etnica, in particolare nel notevole album ‘Caravelle’, che ha aperto un vero e proprio varco tra mondi differenti. In una parola: imperdibili.

Di ben altra pasta sono invece i modelli che riportano una marcata impronta house e techno old school. Questi sono ben rappresentati da French ‘79, al secolo Simon Henner e già chitarrista del navigato Kid Francescoli (tra i decani del genere), e dal ben conosciuto talento di Joris Delacroix. Per uno come lui, che di French Touch si è nutrito sin dalla tenera età, rappresentare parte di questo movimento è più che un piacere: è una vocazione. Già da tempo nome di grido della club culture planetaria, Joris prende energia a piene mani dalla musica elettronica transalpina per rimetterla nella strada della melodic techno più raffinata (una traccia per tutte: ‘Air France’, già entrata di diritto nell’olimpo dell’elettronica).

In tema di melodia, quasi a rinnovare una certa propensione alla ricerca di motivi più eterei, non possiamo non ricordare Worakls, artista proveniente da studi giovanili più classici di conservatorio che offre tracce eteree, a volte accostabili agli ultimi Air, di cui prende le sembianze per riformularne lo stile in architetture più contemporanee. Un esempio concreto è la commovente ‘Salzburg’. Non mancano in questo elenco artisti decisamente sperimentali: Christine And The Queens ad esempio, che dalla prima apparizione discografica nel 2014 ha acquisito successi e consensi a ripetizione. Il suo look androgino e il suo stile che spazia dal synthpop all’indietronica è un concentrato di novità che può sopravvivere a qualunque nuova corrente musicale antagonista. (da non perdere l’album: ‘Chaleur Humaine’).

Foto: Christine and the Queens – fonte:Gilles Laurent – courtesy of the artist

Non da meno il parigino Flavien Berger, colui che forse meglio sintetizza la creazione ibrida tra elettronica e psichedelia. Non per nulla, inizia a comporre musica con una Playstation, fatto che non può che indicare una certa dedizione alla sperimentazione. Un rivoluzionario, a suo modo… con un occhio puntato anche all’indie rock (Da non perdere: l’album ‘Leviàthan’). Sempre in tema di gaming, ormai frontiera esplorata e conquistata dalla musica house, non possiamo non segnalare Thibaut Berland, in arte Breakbot, proveniente da una scuola più classicamente house (i suoi maestri sono i Justice, con i quali ha collaborato e ha ideato il sample di ‘New Jack’) e conosciuto inizialmente per grandi remix di Röyksopp e Digitalism. Negli ultimi anni ha saputo cavalcare al meglio la nuova onda, portando la sua opera ad entrare appunto nel mondo dei videogiochi, delle produzioni cinematografiche e al grande pubblico.

Anche da Les Gordon (psedonimo di Marc Mifune) e dalla mitica etichetta ‘Kitsune’ giungono spesso opere di eccelsa qualità. Come molti della sua generazione ha iniziato a comporre con un semplice computer già in tenera età per poi crescere tra le musiche di Four Tet e Gold Panda, che hanno plasmato un personalissimo sound che saltella con disinvoltura dal glitch all’elettrofolk, senza dimenticare le atmosfere ambient più ricercate (da non perdere l’album ‘Altura’). Infine, è giusto indicare uno tra i nomi di quelli che hanno acquisito di diritto la considerazione internazionale dei grandi dancefloor: Yuksek, ormai un veterano della scena da tempo, che colpisce sia per l’innata tecnica che dimostrata alla consolle (vi invitiamo a fare un salto sul web per rendervene conto), sia per la rara capacità di districarsi senza difficoltà tra stili diversi e in set diametralmente opposti che spaziano dal funk alla techno, senza dimenticare di offrirci leggendari remix (una traccia su tutte: ’Cadenza’, con i Polo & Pan).

In conclusione, possiamo sicuramente consolarci ed essere fiduciosi sul fatto di poter trovare validi esponenti di una musica che, oggi come oggi, continua ad evolversi e a farci emozionare.

Foto: Yuksek 

 

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Matteo Cava
Imolese doc, appassionato di scrittura e di suono in tutte le sue forme. Esploratore di musica elettronica dagli anni '90 ad oggi. Ama scovare tracce nascoste.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.