Venerdì 06 Dicembre 2019
Interviste

Luigi Madonna e l’età dell’oro della techno

Tutte le novità del dj partenopeo. Produzioni, serate, festival, la scelta di vivere ad Amsterdam e l’amicizia con i colleghi italiani

Un EP in arrivo su Second State, l’etichetta dei Pan-Pot, ulteriori release in produzione, serate e festival in giro per il mondo. Il 2019 di Luigi Madonna è iniziato davvero nel migliore dei modi. A febbraio sarà in tour in Australia, a marzo suonerà al fabric di Londra e all’Ultra Music Festival. Lo abbiamo intervistato in prossimità del fine settimana che lo vede suonare all’Input di Barcellona (venerdì 25 gennaio) e all’Amnesia di Milano (sabato 26).

 

A metà febbraio esce il tuo nuovo EP, ce lo racconti?
‘Enfant Terrible’ esce il 15 febbraio in digitale e 8 marzo in vinile. Esce su Second State, l’etichetta dei Pan-Pot, che hanno remixato entrambe le tracce presenti e sono stati parte attiva nella produzione. In questo momento sto lavorando ad altri progetti per ora top secret, ma che non vedo l’ora di condividere con i lettori di DJ Mag Italia!

È lecito parlare di una vero e proprio momento d’oro per i dj techno italiani?
Negli ultimi 15/20 anni molti artisti italiani sono entrati nel mercato globale; credo che Marco Carola sia stato uno dei primi ad aprire questo fronte, a seguire siamo arrivati in tanti. Stiamo facendo un ottimo lavoro, siamo tutti amici e siamo fieri di tenere alta la bandiera italiana in giro per il mondo; merito del nostro essere calorosi e socievoli, caratteristiche che riusciamo a trasmettere anche quando suoniamo.

Tanti dj italiani, in particolare napoletani.
Napoli è senza dubbio una delle capitali europee della techno insieme a Berlino. La techno ha sempre fatto parte di noi, siamo cresciuti con queste sonorità che sono state fondamentali per creare la nostra identità musicale. Merito anche di un pubblico incredibile: confesso che ogni volta che devo suonare nella mia città tremo dal nervoso, cosa che non mi capita mai; so che la gente mi aspetta e pretende sempre il massimo e io devo impegnarmi in modo da non deludere nessuno.

Più rivalità o amicizia tra voi colleghi partenopei?
Amicizia più forte con alcuni, rispetto con tutti. Io, Capriati, Capuano e Markantonio siamo cresciuti insieme e quindi siamo legatissimi sia dal punto di vista personale che professionale; ognuno fa il suo percorso ma la stima che ci unisce non verrà mai meno, nessuna competizione.

 

Se la techno gode di ottima salute, si può dire lo stesso anche dei club e dei festival?
Credo che sia un problema soprattutto culturale, specialmente in Italia. In Germania e in Olanda le istituzioni supportano il settore, anche perché festival e club sono fondamentali nel creare indotto dal punto di vista turistico; da questo punto di vista la nostra nazione è indietro anni luce e questo rappresenta un serio problema per gli imprenditori che investono capitali importanti.

Olanda da sempre da sempre esempio più virtuoso in materia. Questo spiega perché hai deciso di trasferirti ad Amsterdam?
Ci vivo da parecchi anni e sono davvero felice di aver preso questa decisione. Dopo tanti anni e aver visitato tante città straniere, ho scelto di trasferirmi ad Amsterdam; una scelta ideale sia dal punto di vista personale che professionale. Ovviamente sento la mancanza della mia città, degli amici, del sole e del cibo, ma non si può avere tutto dalla vita.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.