Mercoledì 12 Agosto 2020
News

Noel Gallagher e quello strano rapporto con i dj

Negli anni '90 l'acid house gli ha cambiato la vita, nel 2015 ha sparato a zero su tutti. Oggi, Noel Gallagher sembra tornato "in pista"

Foto: CamelPhat Twitter

Quando avete letto il nome di Noel Gallagher su questo sito non sono mai state buone notizie. Eppure, la notizia di oggi è che Noel Gallagher sarà nel debut album dei CamelPhat. È il duo britannico ad annunciarlo con una foto uscita dal nulla. E questa, tutto sommato, è una buona notizia. Chi non è curioso di sapere che contributo ha dato la star del brit-pop al passo discografico più importante della carriera di un duo che da quando è sotto i riflettori ha firmato quasi solo club hits? Ma qualche domanda viene da farcela.

Che rapporto ha Noel Gallagher con i dj? Negli anni ’80 e ’90 ha avuto modo di assistere in prima persona – spesso e volentieri tra le mura dell’Haçienda di Manchester – all’esplosione del suono acid house, che in UK ha trovato terreno fertile nella scena rave e che in un’occasione di qualche mese fa ha definito come il suono che gli ha “cambiato la vita”, soprattutto per il suo valore d’inclusione; un anno fa si è anche aperto riguardo alla volontà di sperimentare sonorità “disco anni ’70“. Per non parlare dello stretto rapporto che il cantautore ha sempre avuto con The Chemical Brothers, progetto che dagli anni ’90 non ha perso occasione di supportare. I problemi Noel li ha avuti più che altro con il concetto di superstar applicato alla musica elettronica, come se quei valori di unità e rispetto germogliati nei rave e nelle forme primordiali di clubbing tra Europa e Stati Uniti non fossero le basi solide di ciò che negli anni a venire è stato definito in tanti modi, da “movimento EDM”, “dance festival circuit”, e così via. Permettendo a quei ragazzini di salire sul mainstage, a fare il loro gioco. Eppure in più di un caso ci è sembrato un bel po’ oltre il limite della critica plausibile. “La dance è una passeggiata nel parco. Ogni coglione può farla e, onestamente, ogni coglione la sta facendo” diceva Noel nel 2015. E su Avicii, al tempo tra le star più luminose della scena dance internazionale: non so chi sia, sarà insulso come quel David Guetta. Tanto per citarne un’altra, sempre dal magico 2015 di Noel Gallagher: “trovo sconvolgente per il futuro dei festival che tutto si riduca ad un tizio con un cappello che preme play su un lettore CD“. Le citazioni si sprecano.


  
Ma intanto, chi sono le superstar della console, nel 2020? Tanto i dj producer in studio con le popstar quanto i giganti della techno e dell’house che popolano le line up di Circoloco, El Row, Get Lost e compagnia. Tra nomination ai Grammy’s, residency ibizenche, onnipresenza nelle line up dei festival di serie A e milioni di plays su Spotify, difficile non far rientrare in questa categoria anche i CamelPhat. Brani come ‘Cola’ (che Noel ha pubblicamente apprezzato), ‘Panic Room’, ‘Be Someone’, ‘Breathe’ e il remix di ‘I’m Not Alone’ di Calvin Harris sono pezzi che hanno trovato non poca fortuna nel pubblico dei club tanto quanto in quello delle radio. Un certo David Guetta, nella nostra ultima intervista, ha scelto proprio una traccia dei CamelPhat come uno dei suoi pezzi preferiti in questo momento. Quindi, caro Noel, David Guetta no ma CamelPhat sì? Anche se il mestiere è lo stesso e la line up in cui suonano anche? Era tutta una questione di genere musicale? Ma allora, nel 2015, non bastava dire che preferisci l’house alla progressive? Risposte non ne avremo, quindi tanto vale guardare a questa collaborazione CamelPhat x Gallagher con tanta curiosità. Quella curiosità che se avessimo tutti un po’ di più porterebbe a meno parole al vento e a più musica di qualità. Alla fine, tutto ciò che conta. 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
25 anni. Romano. Letteralmente cresciuto nel club. Ama inseguire la musica in giro per l'Europa ed avere a che fare con le menti più curiose del settore. Penna di DJ Mag dal 2013, redattore e social media strategist di m2o dal 2019.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.