Sabato 23 Ottobre 2021
Interviste

Radio House, Circolove, Spazio Webo. Pesaro si scopre elettronica

Una radio, un club e un teatro auditorium: tre realtà marchigiane unite da un linguaggio comune e da un sistema interconnesso

A pochissimi chilometri da Rimini e Riccione, Pesaro propone tre realtà nelle quali la musica elettronica ha sempre più spazi importanti e di qualità: Radio House, il club Circolove ed il teatro auditorium Spazio Webo. Classe 1976, musicista polistrumentista, producer, dj e speaker radiofonico, Michele Panzieri (nella foto) ne è il comun denominatore nonché punto di raccordo: a lui la parola per farci raccontare un esempio di provincia virtuosa, che anche e nonostante la pandemia non lascia ma raddoppia, anzi in questo caso triplica.

Circolove, Radiohouse, Spazio Webo: tre realtà, tutte e tre pesaresi. Anche a pochi chilometri da Riccione c’è quindi spazio per la musica elettronica.
Negli anni la musica elettronica è cresciuta, si è sviluppata, diffusa e contaminata con altri generi e trova spazio ovunque, a prescindere dalla storicità dei luoghi. Pesaro ha sempre avuto una storia musicale importante, grazie al fatto che ospita uno dei più autorevoli conservatori italiani, per tacere di tanti gruppi, solisti, musicisti, sale prove, studi, radio e locali. La vicinanza con i club romagnoli ha soltanto giovato: io stesso come musicista prima e poi come dj lavorandoci ho dato il mio contributo portando a Pesaro quel touch a chilometro zero che mancava.

Quali le peculiarità e le differenze tra questi tre progetti?
Da dieci anni Circolove è un punto di riferimento per il clubbing, non soltanto locale, ha raccontato e continua a raccontare una bella storia underground senza compromessi; Spazio Webo nasce per celebrare la musica live in un posto autorevole e ben prodotto, un vero e proprio teatro auditorium che ospita al suo interno anche studi di registrazione e radiofonici. I live ed i concerti in genere necessitano di atmosfere, impianti audio e logistiche diverse rispetto ad un club techno, ma identiche sono le suggestioni e le professionalità di chi le organizza e le produce. Da musicista sono molto attento a questi fattori.


Radio House è nata lo scorso dicembre.
Radio House si prefigge di veicolare al grande pubblico la cultura della musica clubbing, utilizzando professionisti del microfono che sappiano sempre come arrivare agli ascoltatori senza mai essere troppo invasivi, intrattenendo il pubblico con musica accuratamente selezionata. Io e miei soci siamo convinti mancasse una realtà di questo tipo, ben organizzata, con un brand fresco e accattivante, così come avevo proprio voglia di convogliare una serie di professionisti della radio: troppo spesso ascolto radio di settore condotte da appassionati ma non da veri e proprio conduttori radiofonici che sappiamo come gestire la parola e abbiano abilità verbali e velocità tipiche di chi faccia questo di mestiere. Si è pensato di unire le due cose in modo da essere credibili e professionali al massimo. Radio House, Circolove e Spazio Webo hanno questo in comune: un approccio approfondito e ricercato, mai superficiale.

Le novità di Radio House per la stagione 2021/22?
La prima novità è freschissima: Do You Remember House, condotto da Eddy Kisses, in onda dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 14 e in replica dalle 6 alle 7 di mattina: un vero e proprio viaggio attraverso la storia della House, partito lunedì 20 settembre. Successivamente partirà un nuovo programma dedicato alle sonorità più techno e visionarie. Entrambi affiancheranno quanto già in palinsensto: People Inda House, condotto da me, We Groove con James Barbadoro, Supernova con Andrea Medri e Martina Berloni e My Religion con Dj Thor. Avremo così un palinsesto ben chiaro e definito in cui alternare le dirette alle ore di sola selecta, quest’ultima da sempre un punto di forza di Radio House. Ogni programma dura un’ora: 60 minuti sono sufficienti per comunicare personalità, caratteristiche e sonorità.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.