Sabato 07 Dicembre 2019
News

Le scuse di Ten Walls

Nel febbraio scorso, Ten Walls se ne uscì sui social con un post che fece scandalo per le opinioni fortemente omofobe, e più che omofobe, mi sento di dire stupide e un pochino, come dire… retrograde. Ne seguì un casino colossale, che portò l’artista lituano ad essere vittima di un linciaggio mediatico sicuramente prevedibile – e in una certa misura meritato, se non altro per l’ingenuità e il bassissimo profilo del post – ma, a mio personale modo di vedere, addirittura eccessivo, visto che il dj e produttore è stato poi bandito ed escluso da tanti eventi, festival e date (spesso già confermate) senza effettivi demeriti artistici. Come dire: la club culture non è omofoba, se la pensi così non sei di questo mondo.  Giusto? Sbagliato? Eccessivo? Chissà. Quel che invece è sicuro, è che Ten Walls chiede pubblicamente scusa, con una lettera diffusa dal suo management e firmata in prima persona, dove oltre a fare ammenda si impegna a promuovere “l’educazione e la tolleranza” nel suo Paese. Scuse sincere o ricerca di redenzione, visto il disastroso impatto della vicenda? Vedremo. Ecco la lettera integrale.

12063331_10153256820032648_2383033168681950972_n
Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Albi Scotti
Giornalista di DJ Mag Italia e responsabile dei contenuti web della rivista. DJ. Speaker e autore radiofonico.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.