Venerdì 21 Febbraio 2020
Clubbing

Set Up: da Sama’ a Kelly Lee Owens, l’evento che ha catturato la nostra curiosità

Foto: Matteo De Fina

Sapete una cosa? La curiosità va coltivata. Sempre. Soprattutto quando si ha la responsabilità – e la fortuna – di scrivere per un pubblico di lettori che si fidano delle nostre parole, dei nostri consigli, delle nostre opinioni. E se una grande soddisfazione del nostro lavoro è quella di poter chiedere a un dj rispettatissimo le sue opinioni sul futuro della techno, o di avere una superstar mondiale che si presta a un’intervista doppia con se stesso, è altrettanto soddisfacente poter raccontare eventi che vanno fuori dai consueti circuiti di cui spesso ci troviamo ad essere partecipi. E coltivare la nostra curiosità va di pari passo con la voglia di tuffarci dentro eventi e serate fuori dalla routine, di nuotarci dentro e di raccontarvi l’esperienza.
Lo scorso weekend, il 7 e 8 febbraio, a Venezia abbiamo fatto proprio uno di questi tuffi ai confini delle nostre “acque territoriali”. Set Up è una rassegna biennale (era la terza edizione, dopo quelle del 2016 e del 2018) a metà tra un festival di musica e di arti performative. Per molte ragioni. In primis, perché è organizzato in un spazio (Palazzo Grassi, alla Punta della Dogana) che di solito ospita mostre d’arte. E poi, perché nelle due serate di Set Up si è respirata un’aria davvero gioiosa, positiva, dove tutto ha funzionato e si è incastrato alla perfezione: line up perfetta, con un occhio al nuovo e uno alle “certezze” di chi ama una certa avanguardia; un pubblico consapevole, eterogeneo per età e gusti, e molto internazionale; una location davvero mozzafiato.

Foto: Matteo De Fina

Il venerdì sono andati in scena Awesome Tapes From Africa, ormai annoverato tra i must di chi ama certi suoni e la peculiarità di questo matto che suona i suoi dj set con le audiocassette (se siete nati dopo il 1995, parliamo di archeologia), WOWAWIWA, il canto polifonico del curioso progetto Greener Grass, e Kelly Lee Owens, nome che è entrato in una cerchia di big assoluti se si parla di underground, in senso lato (tra l’altro, se siete a Milano il 29 febbraio la trovate al PAC per un altro interessante appuntamento). Sabato tra i protagonisti va segnalata Moor Mother, con una performance in cui street poetry, rap, beat elettronici spigolosi flirtavano in uno show di grande spessore e di grande impatto (anche fisico, vista l’irruenza con cui l’artista si scaglia letteralmente contro il pubblico, con forte senso della provocazione). E poi il sempre divertente Omar Souleyman – il suo live è sempre liberatorio, i suoni sono quelli di una festa mediorientale con la cassa in quattro in zona EDM – e il set techno di Sama’, dj palestinese dal spunta duro e violento, senza fronzoli e in grado di incollare tutti al dancefloor fino a chiusura. Quando ci sono delle donne in consolle, non ce n’è. Picchiano duro e si arriva serenamente ai 135-140 bpm. Con Sama’ la sensazione è quella di tornare alla bella stagione techno dura e veloce di metà anni ’90. E non è male.
A conti fatti, Set Up è stata un’occasione sorprendente, che ci ha colpiti positivamente oltre le più rosee previsioni, grazie a un equilibrio di musica e performance di qualità, e perfette per la situazione e il tipo di pubblico (tra l’altro, due serate sold out) e location. Venezia non è una città che vive di hype e situazioni spinte in modo esasperante da un impianto comunicativo al limite del posticcio. Ma può vantare un’aria e un clima culturale davvero internazionali, e si respira una ricettività molto più “sincera” e genuina che in molti appuntamenti wannabe dove sembra contare più esserci per il racconto social che per una sana curiosità verso ciò che va in scena. Curiosità, appunto. Quella cosa che va sempre coltivata. Soprattutto in occasioni così speciali. Set Up è promosso a pieni voti, e non vediamo l’ora di tornarci.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Albi Scotti
Giornalista di DJ Mag Italia e responsabile dei contenuti web della rivista. DJ. Speaker e autore radiofonico.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.