Martedì 18 Giugno 2019
Clubbing, Festival, Foto

Il Size Festival ha preso le misure

Nel vicentino ha avuto luogo la prima edizione di un festival molto particolare. Il Size Festival, che è stato organizzato da Wake Music e Hyper. Location dell’evento è stata l’immensa e storica discoteca Nordest di Caldogno. I calciofili lo ricorderanno per essere il paese natale di un certo Robi Baggio. Una serie di floor concatenati tra loro come piccoli club comunicanti hanno ospitato gli oltre 25 dj previsti dalla line up. L’apertura del labirinto elettronico è avvenuto puntuale alle 18, di sabato scorso 13 giugno, ma l’affluenza è stata con il contagocce fino a mezzanotte quando in consolle è arrivato il momento dei guest dj. “Nessun artista mainstream è stato chiamato – ci tiene a sottolineare uno degli organizzatori, Francesco Cico Ciconte – ma abbiamo preferito tanti dj di qualità e giovani”. Il primo dei “big” ad esibirsi nel main stage del Size Festival è stato il prolifico Danny Daze di Miami, il quale ha recentemente pubblicato l’EP “Dual” per la Ultramajic. Nel corso del 2015 Daze pubblicherà un altro EP dal titolo “Four” per la Omnidisc e remixerà una traccia per Marc Houle. In contemporanea nella sala blu ha preso possesso della consolle il tedesco Alex Bau, conosciuto nell’ambiente anche come Mr. Gringo Techno. Davvero potente il sound di Bau, che tra le altre cose è il fondatore della label Credo. Se l’avete perso non disperate, sarà a Torino a luglio per il Kappa Future Festival. Nella sala rossa è arrivato poi il momento di Audio Injection, meglio conosciuto come Truncate, da Los Angeles. E’ uno dei dj di punta della Droid Recordings, al secolo David Flores, e al Size ha proposto tutto il suo repertorio techno a partire dall’ultima release ipnotica per la Blank Code “Recall”. Gran finale nella sala principale con il tedesco Mathias Kaden, che ha presentato in esclusiva al Size Festival il suo ultimo album “Energetic” per la label Freude am Tanzen Recordings. Dieci tracce potenti con suoni ricercati tra techno, tech house e minimal. La chiusura del festival è stata opera del londinese Tommy Four Seven, che ha proposto una performance techno robusta e pulita. Per darvi un’idea ascoltate la traccia “131” contenuta nella prima release vinilica della label 47. Il Size Festival ha preso le misure alla scena elettronica meno conosciuta e si riproporrà quest’inverno, stesso luogo stessa formula.

(articolo Alessandro Tanassi – foto Anna Malagutti)

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
GOERS
I Goers sono Alessandro Tanassi e Anna Malagutti. Macinano chilometri e festival. Anna, 23 anni, ex barista, beve solo bevande energetiche e amante della musica Techno; Alessandro, 38 anni, giornalista, organizzatore seriale di qualsiasi cosa e ovviamente amante della Techno (ma anche della House).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.