Martedì 16 Luglio 2019
News

SoundCloud è diventato un distributore musicale

L'ultimo upgrade di Soundcloud rappresenta un'importante innovazione per gli artisti indipendenti

Spotify, Apple Music, Amazon Music, YouTube, Instagram. Ovunque vorrai distribuire i tuoi brani, da oggi potrai farlo anche via SoundCloud. E soprattutto: ti spetterà il 100% delle royalties. Semplicemente i ricavi completi. L’annuncio arriva da Kerry Trainor, CEO di Soundcloud, che conferma la notizia in qualità di un maggiore supporto nei confronti degli artisti e dei loro diritti economici sulle opere distribuite. La funzione – esclusiva per gli utenti PRO e PRO Unlimited – sarà al momento limitata a chi possiede un totale di 5000 plays o maggiori registrate sul proprio account. Questo rappresenta un utilissimo upgrade per una piattaforma che solo qualche anno fa sembrava vicina al collasso e che oggi ci dà un’ulteriore prova dell’importanza della sua esistenza nell’attuale scenario di distribuzione e fruizione musicale – nonostante gli ancora tanti punti interrogativi – soprattutto alla luce della vastissima mappa di talenti emergenti che continuano a vedere in SoundCloud la piattaforma principale per le proprie primissime creazioni, per di più in ambito urban ma anche per quanto riguarda la scena dance. Trainor l’ha detto chiaro e tondo: “SoundCloud vuole diventare la destinazione principale per chi ha bisogno di distribuire la propria musica.”

   
L’ingresso di SoundCloud nel mondo dei distributori, e con queste condizioni, rappresenta un interessantissimo punto di svolta in un mercato, quello dello streaming, che sta ancora ridefinendo le proprie regole e dinamiche. Se è vero che alcuni player sono fortemente dominanti, e altri stanno facendosi largo guadagnando fette di mercato, il fatto che una piattaforma nata come vetrina per i musicisti si metta a giocare lo stesso campionato di chi invece ha finora soltanto preso i prodotti finiti e confezionati è qualcosa di inedito. Anche per la filiera stessa di produzione-distribuzione-promozione della musica. Inoltre, fattore da non sottovalutare, c’è il discorso dei diritti: il 100% delle royalties sembra una percentuale altissima, impossibile da reggere se si vuole avere un margine di guadagno. D’altro canto, spesso sono sorte lamentele e polemiche verso le aziende di streaming che – pare – pagano percentuali troppo basse per consentire ai musicisti di mantenersi. Il futuro è un campionato ancora aperto.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
25 anni. Romano. Letteralmente cresciuto nel club. Ama inseguire la musica in giro per l'Europa ed avere a che fare con le menti più curiose del settore. Se non lo trovi probabilmente sta aggiornando le playlist di Spotify.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.