Sabato 24 Ottobre 2020
News

Lo Space di Miami riapre. Intanto l’Ultra a Taiwan…

In Florida e in Estremo Oriente segnali di risveglio per locali e festival, con tutte le restrizioni del caso soprattutto per il locale di Miami

Due notizie scuotono il mondo dei locali e del festival tra Stati Uniti ed Estremo Oriente. Il Club Space di Miami riapre oggi (venerdì 9 ottobre), così come Road To Ultra si svolgerà a Taiwan sabato 14 novembre 2020. Entrambi con dj di livello mondiale. Come è possibile tutto questo? Ora ci arriviamo.

Lo Space di Miami apre stasera con Richie Hell, domani e domenica 11 ottobre inaugurazione vera e propria, con i Martinez Brothers, sabato 17 tocca a Maceo Plex. Le regole d’ingaggio? Ingresso soltanto su prenotazione, misurazione della temperatura all’ingresso, apertura esclusivamente della terrazza e del loft, mascherina sino a quando non si raggiunge la propria zona riservata, distanziamenti obbligatori, nessun servizio al bar ma soltanto ai tavoli. E infine apertura esclusivamente nel pieno rispetto del coprifuoco imposto dalle autorità locali, ovvero dalle 16 alle 23 sabato e dalle 6 di mattina alle 23 di domenica. Per poter ballare si dovrà ancora aspettare un bel po’.


Taiwan è stata insieme alla Corea del Sud la nazione che meglio di tutti ha saputo affrontare l’emergenza corona virus
, agevolata dalle sue ridotte dimensioni (35mila metri quadrati), dove però vivono più di 23 milioni di abitanti. Tra le tante misure vincenti, multe sino a 100mila dollari per chi avesse diffuso fake news, produzione centralizzata delle mascherine e soprattutto costante monitoraggio della popolazione, non soltanto di chi fosse in quarantena. Ecco perché le autorità locali hanno dato l’ok per Road To Ultra, in calendario a Tapei sabato 14 novembre. On stage Alesso, Kaizo, Vini Vici ed alcuni dj locali. I primi biglietti sono stati messi in vendita lunedì 5 ottobre e sono andati subito sold out. Per l’Ultra si tratta di un ritorno in scena dopo l’edizione australiana di febbraio, prima che la pandemia rendesse impossibile lo svolgimento sia dell’Ultra Music Festival di Miami che dell’Ultra Europe in Croazia.

Due test significativi per capire se è possibile pensare a un modo davvero alternativo di vivere il clubbing. E allo stesso tempo, due esperimenti importanti e un po’ forzati in un mondo che non sembra andare verso la fine del tunnel del Covid.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.