Sabato 14 Dicembre 2019
News

Spotify (pare) non acquisirà Soundcloud

 

A settembre vi avevamo parlato di una voce molto interessante trapelata da fonti amiche al Financial Times, il quale aveva provveduto a riferirla al mondo intero: Spotify in trattativa per l’acquisizione di Soundcloud, per un acquisto intorno al miliardo di dollari. Molti i punti interrogativi. Quando? La cifra è confermata? Ma soprattutto: perchè?

Che Soundcloud non se la stia passando bene è cosa nota. Ve ne abbiamo parlato in più di un approfondimento, specificando i vari problemi relativi a royalty e utenze premium che affliggono la piattaforma di Alexander Ljung, che di certo non è pura e rigogliosa come qualche anno fa. Come per tutti i portali musicali, anche questo colosso è finito col divenire schiavo di alcune logiche di marketing e copyright che costituiscono un gran bel grattacapo per il suo quartier generale. Motivo per cui, appunto, l’acquisizione da parte di Spotify, che a sua volta ha i suoi streaming issues a cui dedicarsi, poteva per certi versi sembrare una mossa azzardata. Evidentemente Daniel Ek due conti se li è fatti e fonti anonime ma vicine alla trattativa annunciata a settembre riferiscono il passo indietro di Spotify e quindi la chiusura delle eventuali trattazioni; la notizia arriva da TechCrunch. Spotify non acquisirà Soundcloud, dunque. Da quanto viene riferito la motivazione risiederebbe proprio in quegli intoppi sopracitati, che evidentemente non vogliono esser presi a carico dal colosso svedese, che tra l’altro nel 2017 si quoterà ufficialmente in borsa. Un’annata importante quella alle porte: vietati passi falsi.

Rimane il dilemma sul destino di Soundcloud: ora che Spotify si è messa da parte, potrebbe accendersi una lampadina ad Apple Music, oppure, a favor di pronostici, Soundcloud potrebbe semplicemente restare nelle mani di Ljung. In tal caso però, possiamo aspettarci qualche sostanziosa modifica nel 2017, a luce del sofferente conto della piattaforma. Vi terremo aggiornati.

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
25 anni. Romano. Letteralmente cresciuto nel club. Ama inseguire la musica in giro per l'Europa ed avere a che fare con le menti più curiose del settore. Penna di DJ Mag dal 2013, redattore e social media strategist di m2o dal 2019.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.