Giovedì 17 Ottobre 2019
Interviste

Il produttore di ‘Perdonami’ di Salmo ha 16 anni. L’abbiamo intervistato

Se il buongiorno si vede dal mattino sarà una bellissima carriera

Nato a Roma nel 2001, Sony e Universal se lo contendono. Abbiamo intercettato su Facebook l’astro nascente della trap italiana. È il 16 enne Davide Mattei aka tha Supreme, produttore del beat dell’ultima hit di Salmo, ‘Perdonami’.

Ciao Supreme, non ti conosco quindi sarà abbastanza formale. Cosa fai nella vita? Studi o fai solo musica?
Ho lasciato la scuola dell’obbligo l’anno scorso, non era quello il mio mondo, ora mi dedico esclusivamente alle produzioni e da qualche mese ho iniziato a studiare la musica.

Dove vivi?
Vivo a Fiumicino. Ho iniziato a crearmi una mia realtà anche qui ed essendo molto indipendente credo di trasferirmi ed andare a vivere da solo tra un po’.

Frequenti i forum dedicati alla produzione musicale, che oggi sono la vera underground, dove parlano spesso di te?
No, non sono mai entrato a far parte di quella realtà ma leggo spesso le domande che si fanno i ragazzi. Sono contento che la mia musica ispiri molte domande.

Come hai imparato a produrre?
Ho iniziato per gioco, suono e sono molto appassionato di musica da quando avevo 3 anni. A 12 ho iniziato a rifare versioni instrumental di alcuni artisti che ascoltavo, che tra l’altro ad oggi mi conoscono e supportano la mia roba. Poi, verso i 14, ho iniziato inizio a produrre le mie basi. E da qui ho capito che dovevo prendere sul serio la cosa.

Chi sono i tuoi idoli?
Non ho idoli veri e propri. Un’artista che mi é rimasta impressa sin da bambino e che ascolto molto tutt’ora è Amy Winehouse, sicuramente l’artista che ho amato di più.

A chi ti sei ispirato?
È difficile dire da dove prendo ispirazione. Da quando ho iniziato a produrre ho sempre cercato di dare il mio timbro, sia a livello melodico che di suoni. Diciamo da tutto quello che mi affascina, anche film o immagini mi danno ispirazione.

Che musica ascolti?
Molti generi, dal jazz alla trap, anche se per la maggior parte del tempo ascolto la mia musica.

Con quali artisti italiani hai collaborato?
Ci saranno parecchie uscite, alcune davvero grosse, per ora con Dani Faiv, Salmo ed altri emergenti che mi stimolavano, inoltre sto preparando un progetto con Nomercy Blake, sarà la nuova promessa del 2018.

Come hai incontrato Salmo?
Salmo mi ha scritto ad aprile. Un mese fa ci siamo incontrati ad un live e da lì ci siamo tenuti in contatto. Tre settimane fa mi ha mandato la bozza di “Perdonami” su un mio vecchio beat e nel giro di venti giorni ha preparato tutto ed è uscito il brano. È un pazzo!

Qualche major ha già chiesto di te?
Sono stato contattato da due grandi major ultimamente, in questo periodo sto valutando bene le mosse per non sbagliare nulla e raggiungere l’obiettivo.

Cosa vuoi fare da grande?
Quello che faccio adesso, anche se mi piacerebbe combinare varie arti, per ora penso al presente.

Che consigli daresti ai tantissimi tuoi coetanei che vorrebbero essere come te?
Rispondo spesso ai ragazzi che mi chiedono consigli. L’unico che do è di essere sempre alla ricerca di una propria identità, nella musica, nel disegno, in ogni forma d’arte, è la cosa più importante secondo me, cercare di non immischiarsi mai con la moda del momento ma cercare di crearne una nuova.

 

Segui ThaSupreme su Facebook.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Ale Lippi
Scrivo e parlo di Electronic Dance Music per Dj Mag Italia e Radio Deejay (Albertino Everyday, Deejay Parade, Dance Revolution, Discoball). Mi occupo di club culture a 360°, dal costume alla ricerca musicale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.