Giovedì 20 Giugno 2019
News

The Black Madonna: “l’EDM ha il mio rispetto!”

The Black Madonna fa un'educativa riflessione sull'EDM e sull'importante influenza che quel filone musicale esercita sul pubblico giovanissimo, nonostante lei non ne sia assolutamente un'appassionata

Fa un po’ strano usare ancora il termine “EDM” nel 2019, e da tempo ci siamo ormai imposti di cercare di accantonarlo e sostituirlo con qualcosa di più specifico, come ad esempio “big room”. Questo perchè un termine vago e ampio come “EDM” – che anche i muri sanno che stia per “electronic dance music” – ho la sensazione di non riuscire più a usarlo per descrivere la corrente musicale che ha dettato la colonna sonora dei maggiori festival dal 2011 al 2016, o giù di lì. Ma in questo caso è The Black Madonna – tra le maggiori protagoniste della scena techno mondiale – a rispolverare la cara e vecchia EDM, ma con un’accezione tutt’altro che negativa, come invece si sarebbe potuto immaginare. 

Reduce dell’ultima edizione di Holy Ship!, il festival-crociera americano che più volte all’anno ospita a bordo una line up di altissimo livello che spazia dalla techno alla big room e dalla bass house alla dubstep, la dj di Chicago si è lasciata andare in un tweet di ringraziamento che potrebbe aver fatto storcere il naso ai suoi fan più conservatori: “un tempo odiavo l’EDM e non me ne importava proprio nullaPoi ho ricordato le parole di Carl Cox, che considera l’EDM come qualcosa di buono perchè apre ai giovani le porte del mondo della dance, favorendo l’aggregazione di gusti diversi”, ha scritto in un primo tweet. E prosegue: “nel 2019 ho potuto vederlo con i miei occhi. Ho passato una settimana sulla Holy Ship! ed è stato fantastico. Ho visto tanti generi musicali trovarsi uno vicino all’altro. Dall’hardstyle a Roman Flügel, e le folle non erano così diverse. Ho sentito anche molta EDM, che non incontra il mio gusto, ma rispetto i suoi produttori che condividono idee e si supportano l’uno con l’altro. Preferirò sempre esibirmi in ambienti come vecchi scantinati o magazzini, ma sono felice di aver ricevuto tutti quegli abbracci e di aver visto tanti ragazzini scoprire la dance a modo loro e realizzare chi essi siano attraverso di essa, proprio come ai tempi della rave culture.” Di seguito un estratto della lunga serie di tweet. 

La chiusura mentale non fa bene a nessuno. La storia della musica è da sempre questione di cicli. Quando un determinato filone musicale tocca il suo (inevitabile) punto di saturazione dopo anni di popolarità, ciò è dovuto all’algoritmo tra stimolo creativo e visibilità mediatica che finisce con collassare su se stesso, esaurire la riserva d’originalità, e di conseguenza spianare la strada per qualcosa di nuovo, che verrà introdotto da esponenti altrettanto nuovi e così via. Ma quel genere musicale saturato dalla popolarità, potrà avere sempre un ruolo fondamentale nell’esistenza di qualcuno. Soprattutto se si parla di giovani, come ha fatto The Black Madonna. Il dance pop più elementare si rivolge alla massa di pubblico più ampia proprio perchè i suoi suoni sono più semplici (attenzione: non “facili”) da assimilare e pertanto possono rivolgersi con più facilità al pubblico giovanissimo, che non avrà bisogno di alcun elaborato background culturale per farseli piacere ma che da sempre muove la macchina dell’industria discografica. È una forza d’attrazione, una calamita culturale. Sta ai giovani capire cosa farci e, eventualmente, approfondire. Diceva un sondaggio: “ogni suono fa qualcosa per qualcuno“. Vivete e lasciare vivere, che fa bene a tutti. The Black Madonna docet. 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
25 anni. Romano. Letteralmente cresciuto nel club. Ama inseguire la musica in giro per l'Europa ed avere a che fare con le menti più curiose del settore. Se non lo trovi probabilmente sta aggiornando le playlist di Spotify.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.