• SABATO 28 GENNAIO 2023
Senza categoria

Tomorrowland invernale, Tomorrowland digitale

Tomorrowland è sempre più senza confini, presente in tre continenti diversi e in una nuova dimensione digitale

Sempre tante e di ottima fattura le notizie che arrivano dall’universo di Tomorrowland. Andiamo per ordine: venerdì 9 dicembre 2022 è stato inaugurato con un concerto di Paul Kalkbrenner Terra Solis, qualcosa a metà tra un’oasi nel deserto e un resort in quel di Dubai e che resterà aperto sino a giugno del 2023; sabato 14 gennaio 2023 Tomorrowland presents CORE Tulum, con Nina Kraviz, Vintage Culture, Brina Knauss, Dino Lenny e Mind Against; un appuntamento di spicco tra quelli in programma in Messico ad inizio gennaio e sul quale torneremo in una delle nostre prossime guide. E non si tratta dell’unica escurisione extra-europea per il festival belga l’anno prossimo: Tomorrowland tornerà infatti in Brasile da giovedì 12 a sabato 14 ottobre.

 

Sabato 28 gennaio (dalle 14 alle 21.45) sarà il momento di Adscendo – A Digital Introduction, autentica anteprima digitale del festival belga che tornerà con la sua edizione estiva a Boom da venerdì 21 a domenica 23 e da venerdì 28 a domenica 30 luglio dell’anno prossimo. Adscendo è il tema 2023 di Tomorrowland, e a fine gennaio si svolgerà virtualmente con una line up composta tra gli altri da Amelie Lens, Armin van Buuren, Tale Of Us e W&W; nel corso di Adscendo sarà svelata la line up dell’edizione estiva di quest’anno. Sarà una giornata in tutto e per tutto all’altezza dei contenuti e degli effetti speciali che da sempre caratterizzano Tomorrowland, come fu a suo tempo Tomorrowland Around The World La partecipazione a Adscendo sarà gratuita per chi si pre-registrerà per provare ad acquistare i biglietti per il Tomorrowland di luglio.

 

Da sabato 18 a sabato 25 marzo 2023, infine, si svolgerà all’Alpe d’Huez (Francia) la terza edizione di Tomorrowland Winter, che ha appena rivelato tutti i dj in cartellone: attese circa 22mila persone, con nomi quali Dimitri Vegas & Like Mike, Martin Garrix e Meduza. Otto gli stage previsti: il più basso sarà a 2mila metri, il più altro a 3.330 metri. Da Dubai all’Alpe d’Huez, da Tulum a Boom, passando attraverso la realtà virtuale. L’universo di Tomorrowland è sempre più senza confini.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Dal 1996 segue, racconta e divulga eventi dance e djset in ogni angolo del globo terracqueo: da Hong Kong a San Paolo, da Miami ad Ibiza, per lui non esistono consolle che abbiano segreti. Sempre teso a capire quale sia la magia che rende i deejays ed il clubbing la nuova frontiera del divertimento musicale, si dichiara in missione costante in nome e per conto della dance; dà forfeit soltanto se si materializzano altri notti magiche, quelle della Juventus.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.