Giovedì 14 Novembre 2019
Video

Il video della Swedish House Mafia all’Ushuaïa nel 2011 sembra preistoria 

E' impressionante la velocità con cui la musica elettronica ha viaggiato in questi anni.  

Quando abbiamo ospitato per la prima volta la Swedish House Mafia che a quel tempo era fortissima soprattutto in Inghilterra abbiamo fatto il salto di qualità. Grazie a quel party del 14 luglio 2011 siamo riusciti a mostrare la location ad un pubblico molto ampio. Qualche settimana dopo è arrivato David Guetta che ha messo l’Ushuaïa sulla mappa. L’anno successivo abbiamo organizzato più feste e ancora di più il terzo anno. Guetta è tornato, è arrivata BBC Radio e le cose hanno cominciato a girare come vedi”.

Con queste parole (leggi l’intervista intera in edicola nel numero di ottobre) Yann Pissenem, inventore e direttore artistico di Ushuaïa Ibiza, battezza su il momento in cui tutto è cambiato. Vedere alcune immagini di quel party fa un certo effetto. Sono passati appena 6 anni ma sembrano appartenere ad un’altra era. E’ impressionante la velocità con cui la musica elettronica ha viaggiato in questi anni.  

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Ale Lippi
Scrivo e parlo di Electronic Dance Music per Dj Mag Italia e Radio Deejay (Albertino Everyday, Deejay Parade, Dance Revolution, Discoball). Mi occupo di club culture a 360°, dal costume alla ricerca musicale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.