• MERCOLEDì 21 FEBBRAIO 2024
Tech

10 innovazioni tecnologiche dall’IMS Ibiza

Sull’isola molti non hanno pensato solo a ballare. Hanno presentato delle piattaforme e delle iniziative che possono aiutare dj e produttori a monetizzare e gestire al meglio i propri contenuti

Durante l’ultima edizione dell’IMS Ibiza sono state affrontate importanti tematiche per il futuro dell’industria musicale e molte di queste passano direttamente dall’intelligenza artificiale. “Il vaso di Pandora secondo molti è stato decisamente scoperchiato”, ha detto Daouda Leonard, CEO e co-fondatore di Create Safe, durante un dibattito promosso per comprendere l’inarrestabile ascesa della IA nel settore.

Abbiamo così scoperto, individuato e successivamente selezionato, proprio durante la kermesse ibizenca, tra panel e voci di corridoio, tra comunicati stampa e chiacchiere a bordo piscina, dieci possibili innovazioni tecnologiche che potrebbero non solo rivoluzionare il comparto bensì permettere a molti di monetizzare ogni attività velocizzando tra l’altro i tempi di lavoro.

1. Partiamo con DJ.Studio. Con il suo concetto pionieristico e la tecnologia all’avanguardia, la piattaforma è destinata a reinventare il modo in cui i dj mixano. Indubbiamente una delle dsp più innovative sul mercato. Nato da un’idea di Siebrand Dijkstra, che voleva trovare la soluzione per creare dei mix perfetti in un tempo minimo, ecco qualcosa di utile soprattutto per gli aspiranti dj attraverso l’intelligenza armonica avanzata basata sull’intelligenza artificiale.

2. Grimes, ovvero Clare Boucher, che ha ha partecipato a un panel dell’IMS a Ibiza, e che ha avuto un flirt con Elon Musk per la gioia di chi ama il gossip, ha lanciato un nuovo software vocale AI, Elf.Tech, progettato per aiutare le persone a duplicare la sua voce ma solo per creare produzioni musicali. La piattaforma consente agli utenti di caricare registrazioni della propria voce, che possono quindi essere trasformate in quella di Grimes.

3. DJfan è una piattaforma su cui i dj possono facilmente creare contenuti e invitare i propri fan a connettersi per la massima interazione. La piattaforma consente ai dj di consolidare i contenuti di altre piattaforme social e creative in un unico spazio. Una specie di linktree per dj, insomma, con funzionalità orientate specificamente agli artisti di musica elettronica per creare vantaggi speciali per i loro fan.

 

4. Mix Check Studio serve invece per perfezionare le abilità di mixaggio e mastering in fase di pre e post produzione. Per musicisti o appassionato di audio, la app sfrutta la potenza della tecnologia AI avanzata per analizzare i file audio in formato WAV o MP3, offrendo un feedback accurato e utilizzabile che ti aiuterà a perfezionare i tuoi mix e master.

5. Una startup con sede a Stoccolma, la Freshsound, si è assicurata due milioni di euro in un seed round guidato da Zenith Venture Capital e Aligned. La piattaforma agevola la gestione delle licenze musicali commerciali per pubblicità, contenuti di marca, film, TV e giochi. Non più in fase di startup, consente ai professionisti di concedere in modo facile in licenza la musica scritta a scopri commerciali.

6. Con Soundful, che uno sia un musicista, un produttore o solo un ascoltatore occasionale, attraverso un sito ad hoc si possono sfruttare via software degli algoritmi complessi per creare musica generata dall’intelligenza artificiale unica nel suo genere. Musica che può essere modificata per soddisfare esigenze specifiche. Soundful consente di sperimentare e manipolare il risultato della composizione ed è esente da royalty.

 

7. Warner Music Singapore ha firmato con un’importante società Web3 per creare nuove opportunità per artisti e pubblico nel settore dei giochi. Si chiama Affinn e apre a una nuova era di consumo di contenuti digitali, sfruttando la tecnologia Web3 per supportare musicisti, artisti, creatori e collaboratori nel fornire un’esperienza ancora più coinvolgente e interattiva esperienza al nostro pubblico.

8. Anghami afferma che il suo podcast personalizzato basato sull’intelligenza artificiale è il primo del suo genere al mondo, che porta l’innovazione a un livello superiore e rivoluziona il modo in cui riceviamo aggiornamenti. La funzione consentirà agli utenti di creare e personalizzare il proprio podcast personalizzato selezionando argomenti, voci e lingue tra cui inglese, arabo e francese.

 

9. XONE, da non confondere con il mixer di Allen & Heath, è una startup legata alla tecnologia musicale che fa parte del programma di incubazione di Abbey Road Red. I co-fondatori James Shannon e Alica Molito hanno la piattaforma mobile in versione beta nel 2021. Ora la dsp si è evoluta e unisce funzionalità social, tecnologia AR mobile-first e meccanica blockchain per offrire agli utenti iOS e Android la possibilità di progettare e costruire spazi virtuali 3D per essere sincronizzati con la musica.

10. Insomniac Music Group, che gestisce una folta serie di etichette di musica elettronica, collaborato con la startup di musica royalty-free slip.stream per fornire musica a più di 200.000 produttori sulla piattaforma di quest’ultima società. La partnership copre il catalogo di Insomniac, comprese le canzoni di oltre 120 artisti. Il tutto sarà disponibile agli abbonati Pro e Commercial e ai produttori che si registreranno gratuitamente al sito.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.