Mercoledì 26 Giugno 2019
Tech

Beatport lancia i servizi LINK e CLOUD

Musica con un’esperienza unica e la possibilità di accedere a playlist curate e mirate. Non solo: audio di qualità superiore alla norma e fruibile anche offline.

Beatport ha lanciato un nuovo servizio in abbonamento per DJ chiamato LINK. Il nuovo servizio consente agli utenti della piattaforma di riprodurre l’intero catalogo attraverso un software di performance appositamente creato per mixare e gestibile attraverso l’app WeDJ di Pioneer DJ e presto anche attraverso il sistema rekordbox.

Una volta che LINK verrà integrato in rekordbox, dal terzo trimestre di quest’anno, il fruitore porterà con sé un’esperienza unica e la possibilità di accedere a playlist curate e mirate, il tutto con un audio di qualità superiore alla norma e flusso attivo ed eseguibile anche in modalità offline.

Beatport ha anche lanciato CLOUD, un nuovo set di funzionalità per i clienti più fedeli al negozio online. Questi potranno usufruire di un lettore speciale, Needle Drop, che verrà visualizzato attraverso un’anteprima quando si tenterà di accedere a una traccia durante la sua riproduzione; i download poi saranno illimitati anche se si avrà già scaricato un file; infine è stata creata una nuova sezione, My Library, per la gestione ottimale dell’archivio generale.

I prezzi partono da 4,99 euro al mese per CLOUD e 14,99 euro al mese per la LINK. Per saperne di più basta cliccare qui per iscriversi a LINK e CLOUD. LINK arriverà anche con una versione prova di 30 giorni. Entrambi i servizi sono attualmente in fase beta.

La notizia di LINK e CLOUD arriva dopo un anno di notizie di corridoio. In realtà, Beatport aveva inizialmente annunciato l’intenzione di diffondere il suo catalogo attraverso un software ready-to-play durante l’edizione 2018 dell’IMS di Ibiza. A distanza di un anno, il brand americano ha mantenuto la sua promessa. Le implicazioni dello streaming erano state ampiamente discusse. Non si sa ancora quando o se LINK girerà su Traktor, Serato o altri software per dj, tuttavia si suppone che sia solo una questione di settimane, l’annuncio di questo nuovo approdo agli appena citati software.

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.