Lunedì 17 Maggio 2021
Tech

Engine OS 1.6: verso il cloud storage con Dropbox

Avete mai pensato di non avere più la necessità di preparare una chiavetta per i vostri dj-set o di portare dietro il vostro pc? Engine OS 1.6 porta il cloud con sé e la possibilità di salvare le vostre tracce sul cloud!

Come ci si aspettava dalle grandi promesse di casa Denon, ecco disponibile la nuova versione del software Engine OS, che approda alla versione 1.6 portando con sé una serie di nuove ed interessanti funzionalità: più importante tra tutte l’accesso a Dropbox, che dopo un primo esperimento condotto con una versione di prova iniziata a settembre, ora concede ai dj la possibilità di sfruttare tutti i vantaggi del cloud. Vediamo dunque che i servizi offerti dall’applicativo Denon volgono i loro obiettivi verso una completa indipendenza dal personal computer: adesso le tracce possono essere comodamente archiviate sul proprio account Dropbox e scaricate dal controller stesso: ebbene si, Engine OS è approdato al cloud storage!

La versione 1.6  introduce cambiamenti nella disposizione delle waveform sui lettori SC6000 e SC6000M,  per una migliore visualizzazione delle tracce durante il mixaggio, oltre che una quantizzazione del tempo decisamente migliore, anche per la musica in tempi dispari, nonché la possibilità di avere lo streaming dal portale Beatsource. È inoltre possibile importare tracce analizzate da software quali Serato e Rekordbox, conservando i dati della griglia sia statica sia dinamica, permettendo quindi anche un’integrazione assoluta con i migliori software del mondo del djing e questo, direi, è veramente degno di nota. Ma non è finita, il nuovo aggiornamento 1.6 si completa rendendo Engine Prime completamente compatibile con Apple macOS Big Sur.

 

Che dire, un’integrazione con un servizio di file hosting come Dropbox era davvero difficile da immaginare, dato che Beatport LINK era già operativo da molto più di un anno; ma, effettivamente, si sentiva nell’aria la necessità di un ulteriore supporto per salvare la propria libreria sul cloud. Engine OS garantisce la trasparenza: non solo permette infatti di archiviare i dati sul cloud semplificando ogni tipo di problematica, ma garantisce  la memorizzazione di tutti i dati necessari e relativi alle tracce, compresi di cue e hot cue proprio, come se il tutto avvenisse dal software del pc.

La nuova versione di Engine OS  non esegue lo streaming in tempo reale, ma, dopo aver sincronizzato il dispositivo, i file vengono preventivamente scaricati sul lettore e solo in seguito si può procedere con la riproduzione: questo garantisce una completa integrità dei dati, in quanto la riproduzione in real-time, senza una ultimazione del download, andrebbe incontro ad errori dovuti ad esempio a una connessione lenta e potrrbbe causare una riproduzione irregolare delle tracce.

Guarda il video qui sopra per ulteriori informazioni sul suo funzionamento.

Scopri di più sulla versione 1.6 qui.

 

 

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Nicoletta Brundo
Mi faccio chiamare Nickey e ho 25 anni. Ho conseguito una laurea breve nella scuola di ingegneria industriale e dell’informazione nel corso di ingegneria informatica presso il Politecnico di Milano e sono attualmente laureanda nel corso di laurea magistrale “Music and Acoustic engineering”, presso il medesimo istituto. La musica è la luce più forte che vedo nel mio cammino.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.