Martedì 28 Gennaio 2020
Tech

Ninja Tune annuncia il primo delay hardware creato da un’etichetta discografica

Zen Delay è la prima unità effetti hardware mai prodotta in collaborazione con un'etichetta di musica elettronica.

L’inglese Ninja Tune è da sempre un’etichetta discografica lungimirante. Da alcune settimane ha annunciato la sua prima unità hardware di effetti, Zen Delay, in collaborazione con il brand specializzato in synth modulari Erica Synths. Costruito per essere usato sia nei live che in studio, questo delay è simile nella forma al Fusion Box e unisce la pratica analogica a quella digitale.

Ispirati da una visita al Superbooth, la fiera di Berlino specializzata in strumentazione musicale, Matt Black dei Coldcut e il suo amico di lunga data Dr. Walker (Liquid Sky) hanno immaginato le possibilità di un’unità di effetti hardware totalmente personalizzata. Il risultato è la creazione di Zen Delay, la prima unità effetti hardware mai prodotta in collaborazione con un’etichetta di musica elettronica. La distribuzione è prevista dal 4 dicembre prossimo e il costo stimato è di 455 euro.

 

 

Tra le caratteristiche di Zen Delay ci sono il controllo del tempo di delay (5 preimpostazioni), il feedback, il pulsante tap, le funzioni dry e wet, l’interruttore di bypass, il filtro di cutoff, la risonanza, il livello di input e le varie modalità di gestione filtro e drive. Gli ingressi sono due e stereo con jack standard. C’è una presa MIDI classica, il controllo CV In sempre via jack; un’uscita stereo out da due jack.

Zen Delay è una linea di macchine sincronizzabile con bpm che combina estreme gamme di feedback per effetti dub e lo-fi sperimentali e con un filtro synth multimodale 24 dB e valvole overdrive. L’unità marchiata Ninja Tune è alloggiata in un case metallico con manopole in bachelite e un circuito valvolare per un intenso calore analogico ed è incredibilmente facile da usare: ogni funzione ha una manopola fisica dedicata. Non serve immergersi in manuali di istruzione per usarla, perché è davvero intuitiva.

La maggior parte dei dispositivi di delay sono ideati come stompbox per chitarristi ed è la prima volta che un progetto simile proviene dalle mente fulgida di due dj e produttori di musica elettronica. Lo studio di Zen Delay nasce da una piattaforma DSP personalizzata; i circuiti integrati sono prodotti e sviluppati in Lettonia.

 

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST

Scoprirai in anteprima le promozioni riservate agli iscritti e potrai cancellarti in qualunque momento senza spese.




In mancanza del consenso, la richiesta di contatto non potrà essere erogata.