• MERCOLEDì 28 FEBBRAIO 2024
Clubbing

Toffler, la discoteca con la cabina da dj che si muove

Un club di Rotterdam, in Olanda, è il primo al mondo ad avere una cabina mobile che cambia a seconda delle esigenze di spazi e di affluenza del pubblico

Foto: Toffler Club

Funziona senza problemi sin dalla sua apertura, che risale al 2011. È la cabina da dj della discoteca Toffler di Rotterdam, in Olanda, che si muove in relazione agli spazi che si vogliono utilizzare durante una serata. Ci sono poche persone previste per un party? Mandiamo la consolle più avanti. Ce ne sono molte? Mandiamo la consolle una manciata di metri più indietro.

Alla faccia di coloro che posizionano enormi teli neri durante i concerti per delimitare le aree di un palazzetto o di una struttura quando c’è una affluenza ridotta di pubblico, ecco la cabina del dj che si muove avanti e indietro con un obiettivo molto chiaro: migliorare l’esperienza di chi frequenta un club e annullare le distanze e l’effetto ‘locale vuoto’ che crea non solo disagio e imbarazzo tra il pubblico ma anche malumore tra gestori e adepti in loco.

Al Toffler le pareti, il pavimento e il soffitto sono neri. Strisce di luci LED decorano il soffitto. E la consolle si muove. Il video condiviso su Instagram (grazie a @techno.germania) che vedete qui sopra sintetizza in una manciata di secondi qualsiasi tipo di approfondita descrizione. Quindi? Quindi l’idea è geniale anche se non facilmente realizzabile ovunque dati i costi della struttura.

Il sito MusicTech ha contattato lo staff del Toffler per saperne di più, di questa idea. Un portavoce del club olandese ha così spiegato che tutto funziona “senza alcun problema” sin dal giorno del suo primo utilizzo e che tutto funziona semplicemente tramite un sistema idraulico. In prima serata, il Toffler ha un’atmosfera intima, man mano che la pista da ballo si riempie, il club si estende fisicamente adattandosi e creando più spazio e intensificando persino l’illuminazione.

 

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Riccardo Sada
Riccardo Sada
Distratto o forse ammaliato dalla sua primogenita, attratto da tutto ciò che è trance e nu disco, electro e progressive house, lo trovate spesso in qualche studio di registrazione, a volte in qualche rave, raramente nei localoni o a qualche party sulle spiagge di Tel Aviv.